Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
L’idrogeno
Graphic element Home
Graphic element La sfida dell’energia
Graphic element Distribuzione e sicurezza
Graphic element Progetti affini finanziati dall’Ue
Graphic element Produzione e stoccaggio dell’idrogeno
Graphic element Verso il “SER Idrogeno”
Graphic element Per maggiori informazioni
   
image image
Graphic element Altri progetti tematici

 

image

Produzione e stoccaggio dell’idrogeno

L’idrogeno è un vettore di energia. Un aspetto chiave che viene spesso sollevato, riguarda la sua provenienza. Infatti, l’idrogeno può essere prodotto in molti modi diversi e da differenti fonti di energia, tra cui fonti di energia fossili, rinnovabili e nucleari. Alcune tecnologie sono già affermate, mentre per altre occorrono ancora notevoli sforzi di ricerca e sviluppo. Oggigiorno, quasi tutto l’idrogeno è prodotto su vasta scala con processi di reforming di idrocarburi, che utilizzano calore e vapore.

Fra le altre possibilità allo studio per la produzione di idrogeno abbiamo: la gassificazione di idrocarburi pesanti o biomassa; l’elettrolisi dell’acqua ottenuta con la corrente elettrica; il “water splitting” tramite cicli termochimici che sfruttano fonti di calore ad alta temperatura come il nucleare o l’energia solare; la produzione biologica con microalghe e batteri in condizioni controllate.

L’idrogeno può essere prodotto da una vasta gamma di fonti primarie; di conseguenza, è in grado di contribuire enormemente alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico.

Da vari decenni, l’idrogeno viene stoccato con sicurezza in grandi contenitori industriali; può essere immagazzinato in caverne sotterranee o in recipienti ad alta pressione. Una grande difficoltà sta nel garantire una sufficiente capacità di stoccaggio nelle applicazioni per autoveicoli, così da ottenere un buon equilibrio tra autonomia di guida e spazio di stoccaggio.

I procedimenti di stoccaggio tradizionali, quali cilindri a pressione e serbatoi per gas liquidi, possono essere migliorati divenendo più resistenti, leggeri ed economici. Sono inoltre in corso di sviluppo metodi alternativi, quali l’assorbimento di idrogeno mediante idruri metallici o chimici o tramite strutture al carbonio.

La dualità di elettricità e idrogeno, prevista per il futuro, significa che sarà possibile immagazzinare l’idrogeno e convertirlo in elettricità. Ciò non potrà che favorire l’uso e l’integrazione delle fonti di energia rinnovabili, come l’energia eolica e solare, data la loro natura intermittente.

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5 page 6