Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Monitoraggio globale per l'ambiente e la sicurezza
Graphic element Home
Graphic element Considerazioni generali
Graphic element Osservazione terrestre
Graphic element Compiti principali
Graphic element L'azione UE-ASE
Graphic element Per maggiori informazioni
   
image image
Graphic element Altri progetti tematici

 

image

Considerazioni generali

Introduzione

Nell’ambito della strategia dell’Unione europea per lo sviluppo sostenibile, il Consiglio europeo di Gothenburg ha concluso che entro il 2008 dovrà essere costituita una struttura europea per il monitoraggio globale per l’ambiente e la sicurezza (GMES).

Questa iniziativa deriva dalla crescente consapevolezza dell’importanza fondamentale di un’impostazione più coordinata del rilievo e dell’interpretazione dei dati, al fine di produrre informazioni tempestive, accurate, e neutrali, per guidare il processo decisionale nelle questioni ambientali e della sicurezza.

La Commissione europea e un gruppo di agenzie spaziali hanno avviato l’iniziativa GMES nel 1988. In seguito a una serie di discussioni – e a una conferenza sul tema – con i vari gruppi di utenza presenti, l’Agenzia spaziale europea (ASE) ha pubblicato un piano d’azione comune per il GMES. Il piano propone un’impostazione ampia, che fonde le risorse offerte dai sistemi di osservazione terrestri, marittimi e spaziali per la raccolta di dati su scala planetaria, regionale e locale. Esso promuove, inoltre, un dialogo più esteso tra i fornitori di informazioni e gli utenti. Dialogo inteso come mezzo per affrontare le esigenze concrete della società.

Lo scopo consiste nel costituire una capacità europea coerente e studiata in funzione dell’utenza, che offra le informazioni necessarie per l’elaborazione delle politiche a lungo termine, sostenendo al tempo stesso la reazione rapida ai disastri naturali e ai conflitti.

Definizione dei bisogni

"I dati captati dallo spazio sono solo una delle molte fonti di dati usate per fornire informazioni ai decisori politici".

"Gli utenti – del settore ambientale e del settore della sicurezza – hanno bisogno di garanzie di affidabilità, periodicità, continuità ed efficienza di costo della fornitura di dati, il tutto calcolato su un lungo periodo".

"È essenziale che il GMES proceda utilizzando al massimo i sistemi e i dati già esistenti. Allo stesso modo, si devono utilizzare a pieno le istituzioni e i meccanismi esistenti..."

Tratto dalla relazione del presidente di un workshop dedicato al GMES, intitolato "Il punto di vista dell’utenza", Stoccolma (21-22 marzo 2001).

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5
Considerazioni generali