Avviso legale importante
Per contattarci   |   Ricerca   
IL SETTIMO
PROGRAMMA QUADRO (7º PQ)
+ Home
+ Per alzare il livello della ricerca europea
+ Quali sono le novità del Settimo programma quadro?
+ 7º PQ – Le priorità
+ Chi può partecipare?
+ Come iniziare?
+ Il 7º PQ in breve
+ Come saperne di più?
image image
Bullet
image

7º PQ – Le priorità

Le priorità del settimo programma quadro sono contenute nei programmi specifici, illustrati di seguito:

Il programma Cooperazione – Al centro del 7º PQ

Il programma Cooperazione, che costituisce il cuore del 7º PQ – e ne è sicuramente la parte più ampia – mira a incentivare la ricerca in collaborazione in Europa e in altri paesi partner, articolandosi in una serie di aree tematiche:

  • salute,
  • prodotti alimentari, agricoltura, pesca e biotecnologie,
  • tecnologie dell’informazione e della comunicazione,
  • nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione,
  • energia,
  • ambiente (compresi i cambiamenti climatici),
  • trasporti (compresa l’aeronautica),
  • scienze socioeconomiche e discipline umanistiche,
  • spazio
  • sicurezza

Questo programma prevede anche le Iniziative tecnologiche congiunte, che sono azioni avviate dall’industria, su larga scala, grazie a un multi-finanziamento e sostenute in certi casi da un insieme di fondi pubblici e privati. Altre due caratteristiche del programma sono il Coordinamento di programmi di ricerca non comunitari, volto ad avvicinare i programmi di ricerca europei nazionali e regionali (ad esempio ERA-NET) e il meccanismo di Finanziamento con condivisione dei rischi.

Una particolare attenzione viene inoltre posta alla ricerca multidisciplinare e trasversale, ivi compresi gli inviti congiunti a presentare proposte su questi temi.

Il programma Idee – e il Consiglio europeo della ricerca (CER)

Con il programma Idee, un programma quadro di ricerca comunitario finanzia per la prima volta la ricerca pura d’indagine, alle frontiere della scienza e della tecnologia, indipendentemente dalle priorità tematiche. Questo programma «ammiraglio» del 7º PQ avvicina la ricerca alla sua fonte concettuale e allo stesso tempo riconosce il valore della ricerca di base per il benessere socioeconomico della società.

Il programma Idee presenta una flessibilità unica nel suo approccio alla ricerca comunitaria, dato che i progetti di ricerca proposti vengono esclusivamente giudicati da scienziati in base alla loro eccellenza. Questo programma viene attuato dal nuovo Consiglio europeo della ricerca (CER), costituito da un Consiglio scientifico (che ha lo scopo di programmare la strategia scientifica, decidere il programma di lavoro, controllare la qualità e fornire informazioni) e da una struttura esecutiva (che si occupa dell’amministrazione, di fornire assistenza ai partecipanti, dell’ammissibilità delle proposte, della gestione delle sovvenzioni e dell’organizzazione pratica).

La ricerca può riguardare qualunque area della scienza e della tecnologia, comprese ingegneria, scienze socioeconomiche e discipline umanistiche. Sono considerati particolarmente importanti i settori emergenti e in rapida crescita alle frontiere della conoscenza, così come la ricerca trasversale e multidisciplinare. A differenza del programma Cooperazione, non c’è obbligo di partenariati transfrontalieri.

Per saperne di più, consultare il sito erc.europa.eu

Il programma Persone – Promuovere le carriere di ricerca in Europa

Il programma Persone incentiva la mobilità della ricerca e lo sviluppo della carriera dei ricercatori all’interno e al di fuori dell’Unione europea. L’attuazione del programma avviene con una serie coerente di azioni Marie Curie finalizzate ad aiutare i ricercatori nel costruire le proprie abilità e competenze nel corso della carriera.

Il programma comprende attività come la formazione iniziale dei ricercatori, la formazione continua, lo sviluppo della carriera attraverso le borse di ricerca europee transnazionali e altre azioni, come pure i partenariati congiunti industria-università. La carriera dei ricercatori dell’UE potrà essere ulteriormente promossa e potrà acquisire una dimensione internazionale con dei partner non comunitari grazie alla creazione di borse di ricerca in entrata e in uscita finalizzate a favorire la collaborazione con gruppi di ricerca extraeuropei.

Il programma Capacità – Costruire l’economia della conoscenza

Il programma Capacità ha lo scopo di contribuire a rafforzare e ottimizzare le capacità di conoscenza di cui necessita l’Europa se intende diventare un’economia prospera basata sulla conoscenza. Con il rafforzamento delle abilità di ricerca, della capacità d’innovazione e della competitività europea, il programma punta a stimolare l’intero potenziale di ricerca europeo nonché le fonti di conoscenza.

Il programma prevede le seguenti sei aree specifiche di conoscenza: le infrastrutture di ricerca, la ricerca a vantaggio delle PMI, le regioni della conoscenza, il potenziale di ricerca, la scienza nella società e le attività di cooperazione internazionale.

La ricerca nucleare

Questo programma specifico si divide in due parti: la prima parte si concentra sulla fusione nucleare e sull’infrastruttura internazionale di ricerca ITER, che sarà realizzata in Europa. Gli obiettivi sono lo sviluppo della base della conoscenza sulla fusione nucleare e la realizzazione del reattore sperimentale termonucleare ITER. ITER sarà il più grande progetto di ricerca mai realizzato sulla terra.

La seconda parte del programma riguarda la sicurezza nucleare, la gestione dei rifiuti degli stabilimenti di fissione nucleare e la radioprotezione. Le attività del Centro comune di ricerca in questo settore comprendono l’elaborazione di un parere a livello europeo sulla gestione e sullo smaltimento dei rifiuti radioattivi per garantire un funzionamento sicuro degli impianti nucleari e per sostenere l’avanzamento della ricerca sull’energia nucleare. Per informazioni su queste e altre attività del CCR, consultare il sito www.jrc.ec.europa.eu

Per ulteriori informazioni sui temi presentati in questo opuscolo, si può consultare il sito cordis.europa.eu/

Inizio pagina

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5 page 6 page 7
illustration