AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright.
 
European Flag    Europa Graphic element La Commissione Europea Graphic element RicercaGraphic elementWhat is Europe doing?
Cosa fa l'Europa?

5. Le medesime opportunità per tutti

Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina
precedente
Sommario Pagina
seguente

Le medesime opportunità per tuttiLa sfida della ricerca e dello sviluppo tecnologico, come si è visto, consiste nel far sì che le perdite, inevitabili, di posti di lavoro, siano compensate dalla creazione di nuovi impieghi, di qualità superiore. Creare opportunità non è però sufficiente. Affinché la disoccupazione registri un calo sostanziale è necessario che coloro che non hanno lavoro possano disporre delle qualifiche e delle competenze necessarie a occupare i nuovi posti. Si solleva qui il problema dell'accesso all'istruzione e alla formazione permanenti. Una terribile sfida! In un mondo in costante trasformazione, l'evoluzione delle conoscenze e del know-how è sempre più rapida.

Le medesime opportunità per tuttiIn Europa un disoccupato su due è disoccupato da lungo tempo, contro uno su dieci negli Stati Uniti e uno su sei in Giappone. Esiste pertanto il rischio concreto di una frattura sempre più incolmabile fra attivi e non attivi, fenomeno che minaccia la coesione dell'Europa. E dunque indispensabile dare una seconda possibilità agli uomini e alle donne che rischiano l'emarginazione sociale. La tecnologia al servizio del lavoro non significa anche dare sempre importanza all'innovazione in campo sociale?

L'innovazione è anche sociale
Come aiutare i lavoratori di oltre 45 anni ad adeguarsi, quanto alla formazione, ai cambiamenti del mondo del lavoro? Quali elementi favoriscono e quali bloccano l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, al termine degli studi? Quali sono le nuove opportunità occupazionali che possono emergere dal terzo settore rappresentato dall'economia sociale? Quali sono le radici profonde dell'emarginazione sociale, quali strategie integrate vanno applicate per sradicarle...? Questi sono alcuni degli esempi delle ricerche europee (condotte rispettivamente nelle università finlandesi, irlandesi, a Roma e in Grecia) nel quadro del settore "ricerca socioeconomica finalizzata" del quarto Programma quadro della Commissione europea.

Il fattore personale
Baxi è un'impresa britannica specializzata nella fabbricazione di apparecchi di riscaldamento ad uso domestico. Ha circa 1400 dipendenti. Alla fine degli anni '80 aveva subito una crisi: contrazione della domanda, mercato più competitivo, problemi di qualità, ecc... Baxi aveva allora intrapreso una ristrutturazione profonda, puntando sulla riorganizzazione interna del lavoro - direzione più elastica, creazione di squadre autogestite - e su un piano ambizioso di formazione continua del personale. Conclusione: Baxi riprende la rotta e, nonostante il periodo di recessione riesce a mantenere costante il numero dei dipendenti.

Regioni senza sperequazioni
Garantire a tutti le medesime opportunità in Europa significa anche aver cura che le regioni più sfavorite possano fruire quanto quelle più ricche dei vantaggi delle tecnologie all'avanguardia. Questo è l'obiettivo del progetto europeo TRANSTEX. L'esperienza è stata fatta in Estremadura, regione occidentale della Spagna. Grazie a TRANSTEX cinque PMI locali (specializzate nell'agroalimentare, le pietre ornamentali, i tessili, il commercio) hanno avuto la possibilità di mettersi in contatto, con una procedura semplificata, con imprese del nord dell'Unione, dalle quali hanno ottenuto la tecnologia di cui avevano bisogno. Hanno così potuto prendere un nuovo slancio; sono stati creati un centinaio di posti di lavoro.

 
Pagina precedente Sommario Pagina seguente
Pagina
precedente
Sommario Pagina
seguente
  Graphic element Sistema di ricerca Top