Banner Ricerca Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Combattere l'obesità in Europa
Elemento grafico Home
Elemento grafico Retroscena
Elemento grafico Prevenzione
Elemento grafico Genetica
Elemento grafico Combattere l'obesità
Elemento grafico Azioni future
Elemento grafico Informazioni aggiuntive
   
image image
Elemento grafico Altri progetti tematici

 

image

Prevenzione

Prevenzione, la dieta migliore

Dimagrire è più difficile che ingrassare, pertanto la prevenzione è davvero meglio di una cura. E questa inizia con un'alimentazione sana e un regolare esercizio fisico.

Inoltre, gli stili di vita moderni, sia al lavoro che durante il tempo libero, sono diventati più sedentari, mentre la nostra alimentazione è sempre più abbondante, per allinearsi alla maggiore prosperità. In tutta Europa sono state lanciate iniziative della sanità pubblica, per orientare le persone, e soprattutto i bambini, verso un'alimentazione sana e una vita più attiva.

Meccanismi metabolici

Per prevenire l'obesità è necessario comprendere meglio il modo in cui l'alimentazione, l'attività fisica e il metabolismo interagiscono, non solo per la popolazione intera, ma anche per sottogruppi specifici.

In tal modo è possibile individuare un'alimentazione individuale e dei programmi di esercizi appositi nonché escogitare soluzioni per coloro che, per via di una predisposizione genetica o semplice incapacità, trovano molto difficile perdere i chili che li espongono a rischi di malattia.

Siamo ciò che mangia nostra madre

Le madri sanno istintivamente che l'alimentazione seguita durante la gravidanza e il cibo somministrato ai propri neonati è vitale per la loro crescita e il loro benessere. Alcune sanno inoltre che la nutrizione in queste prime fasi di vita influenzerà la salute e le capacità dei propri figli da adulti. Questa teoria è supportata da recenti studi. In particolare uno studio evidenzia che una migliore nutrizione nella prima infanzia e il peso del neonato portano a una netta riduzione dell'ipertensione da adulti. Il progetto EARNEST, che coinvolge scienziati di 16 paesi, sta individuando i modi in cui le prassi della sanità pubblica possono influenzare la nutrizione fetale e infantile per ridurre la prevalenza di talune condizioni, tra cui l'obesità, nell'età adulta, al fine di migliorare lo sviluppo di funzionalità cerebrali e sociali.

www.metabolic-programming.org

Individuare il fattore X nell'utero

La sindrome metabolica è la tendenza che si verifichino contemporaneamente diverse alterazioni, tra cui ipertensione, intolleranza al glucosio, obesità, iperlipemia, insulino-resistenza, che moltiplicano il rischio di sviluppare diabete e malattie cardiovascolari. Il mondo si trova attualmente sull'orlo di un'epidemia dilagante di sindrome X: fino a un quarto di americani e più del 15% degli europei adulti soffrono già di queste alterazioni metaboliche. Gli esperti del campo stanno cominciando ad associare un'alimentazione carente nel ventre materno con l'insorgere di malattie degenerative nell'età adulta. Il progetto NUTRIX ha cercato di individuare questa sospetta origine fetale per poter formulare suggerimenti nutrizionali da indirizzare a donne in attesa e in fase di allattamento.

www.biol.ucl.ac.be/nutrix

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5 page 6
Elemento grafico