Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Il benessere degli animali
Graphic element Home
Graphic element Contesto
Graphic element L'approccio europeo
Graphic element Il sostegno alla R&S
Graphic element Sfide attuali e future
Graphic element Per maggiori informazioni
   
image image
Graphic element Altri progetti tematici

 

image

Contesto

Una questione di etica

Pochi temi provocano dibattiti così accesi o suscitano tanta preoccupazione da parte del pubblico come il benessere degli animali. Dall'uso degli animali negli esperimenti di laboratorio al trattamento che questi ricevono negli allevamenti, il benessere degli animali figura tra i temi più delicati e controversi a cui la società si trova fronteggiata. Si direbbe che si tratti di una questione di vita o di morte, non solo per gli animali, ma anche per gli esseri umani. Il benessere degli animali è connesso alla sicurezza alimentare e allo sviluppo di nuove cure per malattie letali come il cancro e l'AIDS.

Da tempo il benessere degli animali è una priorità dell'Unione europea, ma il tema è stato inserito concretamente nell'agenda politica in seguito a varie crisi alimentari. La malattia della mucca pazza, la salmonellosi e l'epidemia di afta epizootica hanno scosso profondamente la fiducia del pubblico verso la catena alimentare. I consumatori si sono rivolti agli scienziati per avere conferma che i prodotti animali siano sicuri da consumare e siano stati prodotti in modo umano.

Nel frattempo, l'uso degli animali di laboratorio continua a causare controversie. Questo tema finisce periodicamente in prima pagina, con gli attivisti che irrompono nei laboratori per liberare gli animali o che fanno lo sciopero della fame per difendere la loro causa. A giudizio dei militanti irriducibili le prove di laboratorio sugli animali non sono mai giustificate, mentre gli scienziati difendono la pratica affermando che questo è ancora il solo modo per verificare a fondo la sicurezza di alcuni nuovi farmaci. La maggior parte degli europei è favorevole a metodi alternativi, ma capisce che gli esperimenti sugli animali sono talvolta necessari per poter mettere sul mercato farmaci sicuri.

La riduzione della sperimentazione animale è stata un obiettivo dell'UE per gli ultimi venti anni. L'Unione ha introdotto norme severe sul ricorso agli animali nella ricerca e sviluppo, e finanzia ricerche destinate a sviluppare e convalidare metodi alternativi.

Sono stati compiuti importanti progressi, non ultimo il riconoscimento nel trattato che costituisce la Comunità europea che gli animali sono “esseri senzienti”. Il protocollo sul benessere degli animali, che è stato aggiunto al trattato di Amsterdam nel 1997, è un grande contributo alla protezione degli animali dato che obbliga le istituzioni dell'UE e gli Stati membri a tenere pienamente conto del benessere degli animali nella stesura delle nuove politiche dell'agricoltura, dei trasporti, della ricerca e del mercato unico.

“Nella formulazione e nell'attuazione delle politiche comunitarie nei settori dell'agricoltura, dei trasporti, del mercato interno e della ricerca, la Comunità e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale.”

Protocollo allegato al trattato CE, in vigore dal 1999

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5
Le norme UE sul benessere degli animali stabiliscono che un esperimento scientifico su un animale è contro la legge se esiste un metodo scientifico alternativo. Per quanto riguarda le ricerche finanziate dall'Unione europea, la sperimentazione animale è consentita solo se gli esecutori del progetto possono chiaramente dimostrare che non esistono alternative all'uso degli animali e che i potenziali vantaggi derivanti dalla sperimentazione animale superano le eventuali sofferenze causate agli animali stessi.
Le norme UE sul benessere degli animali stabiliscono che un esperimento scientifico su un animale è contro la legge se esiste un metodo scientifico alternativo. Per quanto riguarda le ricerche finanziate dall'Unione europea, la sperimentazione animale è consentita solo se gli esecutori del progetto possono chiaramente dimostrare che non esistono alternative all'uso degli animali e che i potenziali vantaggi derivanti dalla sperimentazione animale superano le eventuali sofferenze causate agli animali stessi.