Avviso legale importante
   
Per contattarci   |   Ricerca   
Il benessere degli animali
Graphic element Home
Graphic element Contesto
Graphic element L'approccio europeo
Graphic element Il sostegno alla R&S
Graphic element Sfide attuali e future
Graphic element Per maggiori informazioni
   
image image
Graphic element Altri progetti tematici

 

image

Il sostegno alla R&S

La ricerca a favore del benessere degli animali

Da molto tempo la Commissione europea dà sostegno alla ricerca sul benessere degli animali. I fondi UE sono utilizzati per sostenere progetti miranti a migliorare il benessere degli animali negli allevamenti e a sviluppare metodi alternativi alla sperimentazione animale.

Migliorare le condizioni durante il trasporto

Ogni anno circa 45 milioni di mucche, bovini da carne e vitelli sono trasportati all'interno dell'UE e altri 300 000 bovini vivi sono esportati in Nord Africa e in Medio Oriente. Il benessere di questi animali durante il trasporto è importante non solo per ragioni etiche ma anche perché può incidere sulla salute dell'animale e sulla qualità della carne. L'UE ha instaurato severe norme sulla durata del viaggio, il cibo, l'acqua e il riposo. Per migliorare ulteriormente le condizioni lungo il percorso e per aiutare i decisori politici a elaborare le legislazioni future in questo campo, l'Unione sostiene un progetto di ricerca triennale destinato a valutare i livelli di sollecitazione a cui è sottoposto il bestiame durante il trasporto.

I ricercatori stanno studiando gli effetti della durata del viaggio, delle vibrazioni del veicolo, delle condizioni di carico e scarico, della qualità dell'aria, della temperatura e dell'umidità e delle condizioni della strada.
http://www.lt.slu.se/catra/

Migliorare la selezione genetica delle galline

Da secoli gli allevatori usano le tecniche di selezione per migliorare la qualità del bestiame. La selezione genetica è usata per ottenere mucche che producono più latte, maiali che producono più carne e galline che producono più uova. Tuttavia, questo tipo di manipolazione genetica può condurre a gravi problemi per il benessere degli animali. Nel caso delle galline può aumentare il rischio di osteoporosi, che provoca dolorose fratture ossee. Ogni anno circa 65 milioni di galline ovaiole soffrono di fratture ossee causate da questa malattia. Ora un progetto triennale finanziato dall'UE ha individuato una soluzione che migliora la resistenza delle ossa delle galline ovaiole, grazie alla selezione dei geni corrispondenti a un'alta densità ossea. Gli scienziati hanno elaborato un “indice osseo” utilizzabile come strumento per selezionare i ceppi che presentano ossa più robuste e meno fratture.
http://ec.europa.eu/research/agro/fair/en/uk0075.html

La scelta dei consumatori

Che impatto ha avuto la crescente preoccupazione del pubblico per il benessere degli animali sulle nostre scelte d'acquisto? Non molto, secondo un recente studio UE. Ricercatori britannici, irlandesi, francesi, italiani e tedeschi hanno scoperto che sebbene i consumatori esprimano grande preoccupazione per il benessere degli animali e dichiarino di essere pronti a pagare di più per prodotti che rispettano l'animale, ciò non si traduce in una realtà osservabile al momento dell'acquisto. La decisione di acquistare prodotti come uova di galline ruspanti è guidata più dalle preoccupazioni sulla qualità e sicurezza alimentare che dalle considerazioni sul benessere degli animali.
http://ec.europa.eu/research/agro/fair/en/uk3678.html

Tecniche di sperimentazione alternative basate sull'uso del lievito

Le società farmaceutiche sono costantemente alla ricerca di composti nuovi o migliorati per sviluppare farmaci per il trattamento di squilibri neurologici come l'epilessia. Prima che tali composti possano essere utilizzati, tuttavia, è necessario sottoporli a rigorose prove di tossicità in laboratorio, che spesso comportano la sperimentazione animale. Ricercatori tedeschi, danesi e britannici collaborano a un progetto UE destinato a creare un metodo di sperimentazione alternativo, idoneo a sostituire l'uso degli animali nelle prime fasi di identificazione di composti che presentano un valore terapeutico promettente. Il sistema utilizza il lievito per analizzare la reazione di una specifica componente cellulare mammaliana rispetto alle sostanze da sperimentare. Il lievito è adatto perché ha molti geni simili a quelli dell'uomo ed è facile da mantenere e manipolare. Gli scienziati sono in grado di manipolare geneticamente le cellule di lievito in modo che queste adottino le caratteristiche di un particolare conduttore della membrana umana. Il nuovo metodo è utilizzato attualmente per sperimentare i composti destinati a curare le malattie neurologiche, sebbene gli scienziati ritengano che il suo uso possa essere esteso ad altre affezioni, come l'ipertensione e la sordità.
http://www.multiplex-network.de

Offerta di formazione

Circa il 15 % degli animali di laboratorio in Europa sono utilizzati per provare la qualità, la sicurezza e l'efficacia dei vaccini. I metodi di prova sono costosi e possono essere estremamente dolorosi per gli animali. Si sono compiuti notevoli progressi per sviluppare tecniche alternative e molte di queste sono state già convalidate. Attualmente, tuttavia, vi è una certa riluttanza da parte degli scienziati a utilizzare queste tecniche di prova alternative, principalmente a causa della scarsa informazione e formazione. Ricercatori olandesi, svizzeri e tedeschi hanno ricevuto finanziamenti UE per sviluppare corsi di formazione e seminari con cui spiegare questi nuovi metodi agli scienziati. Lo scopo consiste nel migliorare la diffusione di queste nuove tecniche, efficaci in termini di costi e di tempo.
http://www.vaccinetraining.com/

ECVAM - Centro europeo per la validazione di metodi alternativi

L'ECVAM è stato istituito dalla Commissione europea nel 1990 per coordinare lo sviluppo e la validazione delle alternative ai metodi di sperimentazione animale. Il Centro, che fa parte del Centro comune di ricerca dell'UE, organizza seminari periodici e unità temporanee incaricate di esaminare la situazione in corso delle prove alternative e dà consulenza in merito alla promozione dell'integrazione nei processi normativi delle prove in vitro e di altri metodi. Finora tre metodi alternativi hanno ricevuto l'approvazione ECVAM e ve ne sono altri dieci in attesa.

Top

 

  page 1 page 2 page 3 page 4 page 5