Quinta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale

"Investing in Europe’s future"

Quinta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale

Growing regions, Growing Europe - Fourth Report on Economic and Social Cohesion

pdf (160 Mb) bg cs da de el en es et fi fr hu it lt lv mt nl pl pt ro sk sl sv

If the file is too big to open in your browser, please try to right click on the language icon and use the function equivalent to "save target as" or "save link as" to download the file directly on your hard drive

Smaller files are available (EN version) : pdf Part 1 (50Mb) - Part 2 (40Mb) - Part 3 (30Mb) - Part 4(30Mb)

The data behind the maps in the report can be found here.
(Please note that this link conflicts with some versions of Internet Explorer.  If you have difficulty downloading the data, please use another browser such as Firefox or Chrome.)

Summary : pdf DE EN FR (28 MB)


Conclusions of the Fifth Report: the future of the policy pdf

Press Release

Videos and Interviews

Public Consultation (12-11-2010 : 31-01-2011)

Fifth Cohesion Forum (31-01-2011 : 01-02-2011)

Contesto

Ogni tre anni l'UE pubblica una relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale, che illustra i progressi compiuti e i contributi dati dall'UE e dalle amministrazioni nazionali e regionali. La quinta relazione sulla coesione è stata appena pubblicata.
I principali temi trattati sono:

  • l'analisi delle disparità regionali
  • il contributo dell'UE e delle amministrazioni nazionali e regionali alla coesione
  • l'impatto della politica di coesione
  • la politica di coesione dopo il 2013.

La politica di coesione è inquadrata nel contesto della crisi economica e della strategia Europa 2020.

 

Principali conclusioni della quinta relazione sulla coesione

  • Le disparità tra le regioni dell'UE si stanno riducendo: le differenze in termini di PIL pro capite sono notevolmente diminuite.
  • Le regioni più sviluppate sono più competitive, ad esempio perché:
    • sono più innovative
    • offrono una formazione migliore
    • hanno tassi di occupazione elevati
    • dispongono di infrastrutture migliori
  • Il senso di benessere e la soddisfazione per la propria vita sono fortemente correlati al reddito familiare nelle regioni meno sviluppate dell'UE, ma non in quelle più avanzate.
  • Sostenibilità ambientale:
    • alcune regioni rischiano di risentire fortemente dei cambiamenti climatici
    • in altre vi è un elevato potenziale di produzione di una maggior quantità di energia rinnovabile
    • nel centro di molte città la qualità dell'aria lascia a desiderare
    • in alcuni paesi dell'Europa orientale le capacità di trattamento delle acque reflue è insufficiente.
  • Occorre coordinare meglio la politica di sviluppo regionale e le altre politiche europee e nazionali.
  • Strategia Europa 2020:
    • le regioni e la politica di sviluppo regionale possono dare un contributo significativo alla coesione
    • occorre trovare un giusto equilibrio tra i diversi tipi di investimenti
    • si deve tener conto della notevole diversità delle regioni europee (in termini di caratteristiche, opportunità e bisogni)
    • occorre riconoscere un ruolo importante a regioni, città e amministrazioni locali.

 

Prossime tappe

Novembre 2010: pubblicazione della relazione e avvio di una consultazione pubblica, i cui risultati saranno tenuti presenti per formulare la nuova politica e preparare proposte legislative. Si potranno inviare contributi fino al 31 gennaio 2011.

Le proposte legislative verranno presentate nel primo semestre 2011.

Il quinto Forum sulla coesione, che si terrà il 31 gennaio e il 1° febbraio 2011, costituirà un'ulteriore occasione per discutere gli orientamenti per la futura politica di coesione contenuti nella relazione.