La nuova linea ferroviaria a doppio binario tra Palermo e Carini migliora la capacità e prospetta un trasporto urbano più pulito

Un importante piano per potenziare e costruire linee ferroviarie a doppio binario e diverse stazioni lungo quello che è noto come «passante ferroviario di Palermo» porterà a servizi più efficienti e viaggi più sicuri.

Altri strumenti

 

L’investimento relativo a tale progetto copre specificamente il raddoppio del binario per 4,7 km e lo sviluppo di un’infrastruttura collegata tra Bivio Oreto e la stazione di Notarbartolo di Palermo. Sono state costruite tre nuove stazioni, Palazzo di Giustizia, Lolli e Guadagna, e altre due lungo il percorso sono state potenziate. Inoltre la stessa stazione di Notarbartolo è stata ampliata.

Con la costruzione della seconda linea, la tratta è stata elettrificata. Le altre opere eseguite comprendono:

  • il potenziamento dei sistemi di segnalazione e telecomunicazione con l’obiettivo di migliorare la sicurezza della tratta, in particolare mediante l’installazione di un nuovo Sistema di Comando e Controllo
  • la sostituzione della galleria Guadagna con una galleria in grado di accogliere il nuovo tracciato a doppio binario
  • la sostituzione del ponte a un solo binario sul fiume Oreto con un ponte in grado di sostenere due binari
  • l’abbassamento dell’armamento tra il nuovo ponte e la stazione Vespri
  • la costruzione di una galleria artificiale tra le stazioni Vespri e Orleans e
  • la costruzione di una galleria di 1 200 metri di lunghezza parallela alla galleria Re Federico

Benefici più ampi

La tratta rientra nella linea ferroviaria della rete transeuropea di trasporto (TEN-T) che giunge a Palermo da Berlino attraverso Roma. L’Unione europea sta investendo miliardi di euro nel programma TEN-T allo scopo di potenziare l’infrastruttura dei trasporti in tutta Europa. L’obiettivo è agevolare gli spostamenti di persone e merci tra tutti gli Stati membri.

Nel corso della fase di implementazione il progetto ha creato circa 500 posti di lavoro, mentre una volta terminata l’opera si prevedono 24 posti di lavoro.

Investimento complessivo e finanziamenti UE

L’investimento complessivo per il progetto «Raddoppio ferroviario Palermo-Carini tratta urbana Bivio Oreto-Notarbartolo» ammonta a 294 000 000 EUR, di cui 210 886 331 EUR provengono dal Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Unione europea attraverso il programma operativo «Sicilia 2007-2013» per il periodo di programmazione 2007-2013 nell’ambito della priorità «Reti e collegamenti per la mobilità».

Data proposta

04/08/2014