Massiccio potenziamento della rete fognaria in Campania a beneficio dei cittadini locali

Il frutto di un grande progetto di miglioramento della qualità dell'acqua in Campania, regione dell'Italia sud-occidentale, saranno nuovi impianti di trattamento delle acque reflue, allacciamenti e tubazioni risanati e un notevole ampliamento della rete fognaria.

Altri strumenti

 

Il progetto di «Risanamento Ambientale Corpi idrici Superficiali delle Aree Interne» mira a ripristinare la qualità dell'acqua del Volturno e di alcuni dei suoi affluenti in Campania (Italia sud-occidentale). Ai 194 000 cittadini delle province di Avellino, Benevento e Caserta, che per l'acqua dipendono da questo fiume, il progetto porterà notevoli benefici; inoltre, garantirà la sostenibilità ambientale a lungo termine dell'approvvigionamento idrico in tutta la regione.

Ingenti opere 

Per realizzare tutto ciò, il progetto darà corso a ingenti opere per migliorare il trattamento delle acque reflue e il sistema fognario della zona. Il progetto interesserà 46 comuni delle tre province e comporterà 37 singoli interventi interconnessi a livello comunale.

In totale, saranno realizzati quattro nuovi depuratori intercomunali e sei nuovi depuratori comunali. I nuovi depuratori intercomunali si occuperanno del trattamento secondario del materiale biologico finalizzato alla riduzione dei rifiuti e serviranno 15 comuni che contano circa 55 260 abitanti. I sei depuratori comunali o sub-comunali si distingueranno anche per una nuova tecnologia in grado di scomporre i rifiuti in materiali utili. 

Saranno inoltre modificati cinque depuratori esistenti allo scopo di espandere la capacità delle unità di trattamento.

La cittadinanza trarrà un beneficio diretto dai lavori eseguiti nell'area. Nel comune di Atripalda, in provincia di Avellino, sarà installato un nuovo sistema di depurazione, mentre ad Ariano Irpino saranno allacciati nuovi piani fognari fuori del centro storico. Opere di drenaggio urbano verranno realizzate anche nei comuni di Casalbore, Castelbaronia, Monteforte Irpino e Sturno. 

Nella provincia di Benevento verrà effettuato il disinquinamento del bacino meridionale e settentrionale dell'Isclero, in parallelo al completamento delle reti fognarie comunali. Nella provincia di Caserta, a Riardo, avrà luogo la realizzazione e depurazione delle opere di drenaggio mentre in molte città saranno potenziate le reti fognarie comunali. 

Garantire la capacità 

Le opere fognarie comporteranno l'ampliamento delle reti esistenti di circa 60 km, con la finalità di servire gli insediamenti urbani di nuova costruzione. Le reti esistenti saranno riorganizzate e saranno sottoposti a capillare risanamento circa 28 km di vecchie fognature. L'infrastruttura recentemente ripristinata sarà anche meglio attrezzata per far fronte alle inondazioni e agli aumenti critici imprevisti delle portate idriche.

Il progetto fa parte della strategia globale di gestione delle acque della regione, volta a risanare e a preservare una delle zone più inquinate d'Italia, nel pieno rispetto della direttiva quadro sulle acque dell'UE (2000/60 CE).

Investimento totale e finanziamento dell'UE 

L'investimento totale per il progetto «Risanamento Ambientale Corpi idrici Superficiali delle Aree Interne» è di 100 000 000 euro, con un contributo da parte del Fondo europeo di sviluppo regionale dell'UE di 75 000 000 euro attraverso il programma operativo «Campania» per il periodo di programmazione 2007-2013.

Data proposta

14/04/2016