Miglioramento dell'infrastruttura ferroviaria in Puglia

Il progetto prevede il raddoppio delle tratte selezionate e la realizzazione di miglioramenti tecnici sulla linea ferroviaria che collega Bari e Taranto, in Puglia, con l'obiettivo di migliorare la qualità e la sicurezza dell'infrastruttura ferroviaria della regione.

Altri strumenti

 

Migliorando la qualità e la sicurezza, si otterranno prestazioni superiori in termini di capacità e di velocità per i trasporti commerciali. In generale, il progetto renderà più attrattiva la ferrovia come modalità di trasporto nella regione, sia per i passeggeri, sia per le merci.

Raddoppio dei binari e centralizzazione del sistema di controllo

I miglioramenti su questa linea sono particolarmente importanti, poiché la linea ricopre un ruolo fondamentale nel collegare il porto di Taranto e il centro intermodale di Bari (Bari Lamasinata). Si prevede che il traffico merci tra le due località possa aumentare ulteriormente in seguito alla realizzazione del progetto.

Nell'ambito del progetto diverse sezioni della linea ferroviaria che collega Bari e Taranto verranno raddoppiate. Le tratte sulle quali i lavori sono finanziati dai fondi dell'UE nell'attuale periodo di programmazione comprendono le seguenti:

  • Acquaviva delle Fonti-Gioia del Colle: questa tratta misura 12 km. I lavori verranno eseguiti lungo la linea a binario singolo già esistente.
  • Castellaneta - Palagianello: la tratta misura 4,8 km. I lavori verranno eseguiti in parte lungo la linea a binario singolo già esistente e in parte su un nuovo tracciato.
  • Massafra - Taranto: questa tratta misura 13 km. I lavori verranno eseguiti lungo la linea a binario singolo già esistente.

Un'altra importante attività prevista dal progetto è la realizzazione di un sistema di controllo centralizzato, che consentirà di migliorare l'efficienza del controllo del traffico e di ridurre i costi operativi. Altri lavori prevedono l'eliminazione di diversi incroci stradali e la modernizzazione di alcune stazioni ferroviarie.

Miglioramento del budget operativo

L'ente beneficiario del progetto, RFI (Rete Ferroviaria Italiana), l'organismo pubblico nazionale italiano responsabile dello sviluppo e della gestione della rete ferroviaria, prevede che il vantaggio principale apportato dal progetto sarà la riduzione dei costi operativi.

Ci si aspetta inoltre che la velocità media dei treni aumenti di circa 20 km/h, mentre si prevede che il volume delle merci trasportate tra Bari e Taranto raggiunga le 549.298 tonnellate, con un aumento di 80.000 tonnellate rispetto alla situazione attuale. Si prevede anche che il numero dei passeggeri che effettueranno trasferimenti regionali sulla linea aumenterà di circa un milione di persone, con la capacità complessiva della linea in aumento da 900.440 milioni a 2.058.430 milioni di viaggiatori una volta completato il progetto.

I vantaggi ambientali connessi al progetto comprendono la riduzione dell'inquinamento acustico, la diminuzione degli incidenti stradali e la riduzione dell'inquinamento ambientale.

Data proposta

08/09/2011