I cittadini della Campania beneficeranno della ristrutturazione degli impianti di trattamento delle acque

Un importante progetto finanziato dall'UE per il risanamento di cinque impianti di trattamento delle acque della regione Campania porterà a un migliore sistema di approvvigionamento, maggiore efficienza energetica e nuove opportunità di lavoro a livello locale.

Altri strumenti

 

Il progetto «Risanamento ambientale e valorizzazione dei Regi Lagni» è un progetto a lungo termine destinato a migliorare notevolmente la fornitura di servizi idrici per una popolazione di oltre 2 milioni di abitanti. Il commissario per la politica regionale Corina Cretu ha definito il progetto «uno dei più importanti approvati dalla Commissione in Campania, sia in termini finanziari che di impatto». 

I Regi Lagni sono un sistema di canali artificiali originariamente costruiti nel 17° secolo per raccogliere le acque piovane e sorgive. Il bacino dei Regi Lagni attraversa le province di Caserta, Avellino, Napoli e Benevento, tutte situate nella regione Campania. Questa infrastruttura necessita di ingenti lavori di ristrutturazione. 

Benefici sostenibili per i cittadini 

Il progetto consiste nel risanamento degli impianti esistenti per il trattamento delle acque reflue nella parte settentrionale della provincia di Napoli, dove vive circa il 38% della popolazione campana. L'opera prevede inoltre la riparazione o la sostituzione delle componenti meccaniche e delle apparecchiature che si sono deteriorate o non sono più funzionali.

I lavori comprenderanno la ristrutturazione di cinque impianti per il trattamento delle acque ad Acerra, Napoli Nord, Marcianise Foce Regi Lagni e Cuma.

In tutti questi siti il progetto prevede l'esecuzione di lavori per migliorare il trattamento dell'azoto e del fosforo, la filtrazione finale e la disinfezione con raggi UV delle acque reflue purificate, nonché il trattamento dei fanghi mediante digestione anaerobica e disidratazione termica. Un altro obiettivo fondamentale del progetto è quello di aumentare la cogenerazione di energia elettrica e di calore tramite l'utilizzo di biogas ed effettuare opere di mitigazione ambientale.

Sono inoltre in costruzione due nuovi collettori fognari e un collegamento tra i collettori. Complessivamente i nuovi impianti saranno in grado di trattare 166 510 080 metri cubi di acqua all'anno, migliorando le condizioni di vita dei residenti.

Attenzione all'ambiente 

Il progetto fa parte della strategia globale di gestione delle acque della regione, volta a risanare e a preservare una delle zone più inquinate d'Italia, nel pieno rispetto della direttiva quadro sulle acque dell'UE (2000/60 CE). 

Il risanamento dell'infrastruttura ne migliorerà l'efficienza energetica e ridurrà di circa 1 900 tonnellate le emissioni di gas serra.

Investimento totale e finanziamento UE

L'investimento totale per il progetto «Risanamento ambientale e valorizzazione dei Regi Lagni» è di 200 000 000 EUR, con un contributo da parte del Fondo europeo di sviluppo regionale dell'UE di 150 000 000 EUR, attraverso il programma operativo «Campania» per il periodo di programmazione 2007-2013.

Data proposta

13/04/2016