Green IT Network Europe per la sostenibilità delle TIC

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) costituiscono un fattore chiave per la crescita, la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo sociale, ma implicano anche notevoli consumi energetici che comportano un’impronta emissiva sempre maggiore. Offrendo uno spazio per l’analisi, la valutazione e la condivisione di buone pratiche e politiche, questo progetto paneuropeo si propone di rendere più ecologico il settore delle TIC. 

Altri strumenti

 
Diversi enti e città europei hanno unito le forze per attuare politiche Green IT efficaci. © Riga SEAP Diversi enti e città europei hanno unito le forze per attuare politiche Green IT efficaci. © Riga SEAP

" Il progetto ha consentito lo sviluppo di nuove politiche energetiche e ha indotto i soggetti interessati coinvolti a stabilire un approccio transsettoriale per le città intelligenti. Ha inoltre aiutato le comunità a conseguire obiettivi di politica UE più ampi, quali migliorare l’approvvigionamento energetico, promuovere la rinascita urbana e la crescita economica attraverso i progetti innovativi e sperimentali identificati, descritti, condivisi e collaudati dai partner e sviluppare la capacità dei leader e delle comunità avanzate del settore delle TIC. "

Inete Ielite, beneficiaria

Oggi le TIC si stanno rivelando grandi consumatrici di energia nelle aree urbane. Dal momento che gli Stati membri dell’Unione europea si sforzano di ridurre le emissioni di gas serra, le misure per rendere le TIC più efficienti in termini di energia devono rientrare nella strategia. 

Il progetto presentava due fili conduttori interagenti tra loro: Ecologizzazione delle TIC ed Ecologizzazione con le TIC. Benché sia necessario rendere le TIC stesse più sostenibili e più efficienti in termini di energia, è chiaro anche che le TIC svolgono un ruolo fondamentale nella riduzione delle emissioni di CO2 e dei consumi energetici di altri settori. 

Il progetto coinvolgeva 11 partner principali (Riga, Manchester, Roma, Camera di commercio di Barcellona, Green IT Amsterdam Region, Catania, Università di Lund, Malta Intelligent Energy Management Agency, Business Support Centre Kranj, Agenzia di sviluppo regionale di Czestochowa, Risorse per Roma), nonché una più ampia rete di altre città e regioni. Attraverso un processo di scambio sistematico, la rete è stata in grado di valutare, analizzare, sviluppare e attuare politiche Green IT efficaci in un ampio ventaglio di campi e settori (famiglia, edifici, mobilità, industria, ecc.). 

Durante il periodo di attività del progetto, i partner coinvolti hanno sviluppato una rete di politiche Green IT solida e sistematica, alla quale hanno partecipato non meno di 200 tra istituzioni e singoli individui (soggetti interessati locali, nazionali e internazionali, università, enti di sostegno alle imprese, PMI operanti nei settori energetico e delle TIC, ecc.). La condivisione delle conoscenze realizzata e il lavoro svolto sono sfociati nella creazione di un database online che raccoglie oltre 150 buone pratiche per TIC verdi. Circa 6 000 persone ricevono informazioni sui risultati tramite newsletter, tweet e avvisi di notizie. Inoltre, più di 2 000 persone hanno partecipato agli eventi informativi tenuti non solo nei paesi partner, ma anche in altri paesi dell’Unione europea e persino in Cina e India. 

I partner sono stati concordi nel conservare e sviluppare la comunità online e il database al di là del periodo di attività del progetto, destinandovi risorse finanziarie e umane.


Investimento complessivo e aiuti comunitari

L’investimento complessivo per il progetto «Green IT Network Europe» ammonta a 1 777 099 EUR, di cui 1 390 027 EUR sono contributi del Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Unione europea erogati attraverso il programma operativo «Interreg IVC» per il periodo di programmazione 2007-2013. 


Data proposta

11/12/2015