Incoraggiare l’innovazione basata sulla progettazione

Sharing Experience Europe (SEE) (Condividere le esperienze in Europa), un progetto interregionale che mette in risalto l’importanza della progettazione tra i responsabili delle politiche, ha contribuito a promuovere l’innovazione tra le piccole e medie imprese in 11 Stati membri.

Altri strumenti

 
Partner SEE e responsabili delle politiche durante un workshop a Cieszyn, in Polonia, esaminano i modi in cui la progettazione può aiutare a conseguire innovazione. Partner SEE e responsabili delle politiche durante un workshop a Cieszyn, in Polonia, esaminano i modi in cui la progettazione può aiutare a conseguire innovazione.

In Europa, l’ostacolo maggiore a un uso più adeguato della progettazione è dato da una scarsa coscienza e conoscenza della progettazione tra i responsabili delle politiche. Ecco una delle conclusioni «chiave» di una recente consultazione pubblica della Commissione europea.

Proprio per contrastare questa situazione è stato creato il progetto Sharing Experience Europe (SEE), che consiste in una rete di 11 organismi di progettazione con lo scopo di condividere esperienze e conoscenze per sviluppare un nuovo modo di pensare, diffondere buone prassi, stimolare il dibattito e influenzare le politiche locali, regionali e nazionali, in termini di progettazione e innovazione.

Uno degli obiettivi principali del progetto è stato quello di evidenziare il potenziale della progettazione per promuovere l’innovazione tra le piccole e medie imprese e accelerare l’integrazione della progettazione nelle politiche di innovazione e i relativi programmi.

Integrazione di politiche, innovazione e progettazione

Incoraggiando nuove attività di ricerca, organizzando workshop destinati ai responsabili delle politiche e ai gestori dei programmi e pubblicando studi di casi e raccomandazioni per le politiche, il progetto ha raccolto una serie cospicua di argomenti per convincere le autorità pubbliche a integrare la progettazione nelle loro prassi abituali.

Nell’ambito del programma, i responsabili delle politiche per l’innovazione e i gestori dei programmi hanno potuto frequentare workshop pratici su temi come le politiche per la progettazione, il sostegno alle imprese, l’innovazione dei servizi, l’innovazione sociale e lo sviluppo sostenibile per acquisire nozioni pratiche su come avvalersi della progettazione per conseguire gli obiettivi prioritari delle politiche.

La responsabile del progetto, Anna Whicher, ha dichiarato che i risultati del progetto sono stati «molto positivi» e che tutti gli 11 paesi partner hanno riferito di un impatto visibile su politiche e programmi.

Come conseguenza diretta del SEE, la progettazione è diventata una delle priorità del governo gallese per l’innovazione e rientra nella Innovation Strategy for Wales 2020 (Strategia per l’innovazione del Galles per il 2020). Il SEE è stato all’origine di un nuovo programma di sostegno alle imprese per il comparto manifatturiero tradizionale gallese. Il programma ha operato dal 2009 al 2013, supportando 90 PMI gallesi, creando 36 posti di lavoro e portando al varo di 34 nuovi servizi.

In Estonia, il SEE ha dato vita a un nuovo programma di sostegno alle imprese denominato «Design Bulldozer» (Il bulldozer progettazione), che consente alle imprese di immettere idee innovative sul mercato attraverso la progettazione. «Design Bulldozer» è un programma pilota intensivo della durata di 20 mesi rivolto a 10 aziende estoni, di cui punta a incrementare il potenziale economico e di esportazione mediante gli strumenti tipici della progettazione. Il programma si è avvalso di un investimento di 400 000 EUR di Enterprise Estonia.

Il progetto SEE è stato scelto tra i finalisti del Concorso RegioStars 2011 della Commissione europea per lo sviluppo regionale.

«Sharing Experience Europe ha avuto successo perché ha agevolato l’apprendimento tra pari tra i responsabili delle politiche dei paesi europei e ha consentito di rafforzare il concetto di progettazione come fonte di innovazione e competitività. I responsabili delle politiche coinvolti sono diventati sponsor dell’innovazione basata sulla progettazione nell’ambito dei rispettivi governi; di conseguenza, si può dire che il SEE ha influito su tutti gli 11 Stati membri»

- Anna Whicher, responsabile del progetto SEE, Design Wales/Cardiff Metropolitan University


Investimento complessivo e aiuti comunitari

L’investimento complessivo per il progetto «Sharing Experience Europe (SEE) – Policy Innovation Design» (Condividere le esperienze in Europa – Progettazione per l’innovazione delle politiche) è stato di 1 498 490 EUR, con un contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale pari a 1 141 425 EUR, erogato attraverso il programma operativo INTERREG IVC per la cooperazione territoriale europea per il periodo di programmazione 2007-2013.


Data proposta

24/02/2014