Viaggiare senza difficoltà dal Baltico all’Adriatico

Il progetto SoNorA è incentrato sullo sviluppo dell’infrastruttura e dei servizi di trasporto intermodali in Europa centrale, per garantire collegamenti migliori fra il mar Baltico e il mar Adriatico. L’approccio è unico in quanto si trovano riuniti in un solo progetto diverse connessioni di rete Sud-Nord.  Per i sei paesi partecipanti sono garantiti vantaggi in fatto di miglioramento delle vie navigabili interne, orientamenti per la pianificazione strategica, valutazioni di impatto sullo sviluppo, utilizzo di sistemi d’avanguardia.

Altri strumenti

 
Avvicinare i porti del mar Baltico all'Adriatico Avvicinare i porti del mar Baltico all'Adriatico

“La regione Veneto, in quanto capofila del progetto SoNorA, dimostra tutto il proprio impegno nella realizzazione di un collegamento fra il mar Adriatico e il mar Baltico, che copra l’Europa centrale e fornisca una struttura e servizi in grado di agevolare il traffico, le persone e il trasporto merci e di rafforzare, in modo diretto e positivo, la logistica e l’intermodalità nella regione.”
Silvano Vernizzi, Segretario regionale Infrastrutture e Mobilità, Regione Veneto

SoNorA è strettamente connesso alle politiche e agli obiettivi delle reti transeuropee (TEN). Il concetto di base è la costruzione di reti di trasporto, energia e telecomunicazioni che colleghino regioni e mercati e diano impulso all’occupazione e alla crescita economica. Il progetto intende rimuovere gli ostacoli alla realizzazione dell’infrastruttura e dei relativi servizi predisposti e forniti lungo gli itinerari.

La nascita di SoNorA

L’idea di SoNorA – ora attuata tramite il programma EUROPEA CENTRALE – riunisce le iniziative del progetto AB Landbridge (finanziato da Interreg III B CADSES) e la recente iniziativa tedesca SCANDRIA (Dichiarazione di Berlino del 30/11/2007). Il progetto è strutturato attorno a 6 pacchetti di lavoro, ciascuno dedicato a settori specifici: gestione e coordinamento del progetto; gestione e diffusione delle conoscenze; ottimizzazione dei flussi delle reti di trasporto; rimozione degli ostacoli alla realizzazione dell’infrastruttura; attivazione dei servizi lungo gli itinerari Sud-Nord; piattaforma per la cooperazione transnazionale.

Incontri del gruppo di progetto

Per portare a buon fine un simile progetto di ampio respiro è indispensabile un’organizzazione armonizzata e ben strutturata. La direzione comprende un comitato direttivo composto dai rappresentanti legali di ciascun partner. Durante le riunioni del comitato vengono prese le decisioni gestionali di alto livello. Il comitato tecnico di gestione, composto dal capofila, dal responsabile tecnico e dai responsabili dei pacchetti di lavoro, ha il compito di monitorare i progressi del progetto e le sinergie fra le attività. I partner del progetto sono 34 istituzioni pubbliche e private partecipanti su base volontaria, nonché un comitato consultivo scientifico che fornisce ai responsabili dei pacchetti di lavoro, allorquando necessario, l’input scientifico sulla metodologia del programma di lavoro.

Rimozione delle barriere, apertura dei collegamenti

Il progetto SoNorA, grazie a strumenti, orientamenti, studi di casi specifici, prodotti, nuove sinergie e studi di investimento, garantirà ai paesi privi di sbocchi sul mare un migliore accesso ai porti europei, faciliterà l’intermodalità fra strade, ferrovie e vie navigabili, istituirà una cooperazione strategica fra e all’interno dei corridoi transeuropei (p.es. raccomandazioni TEN-T) e costituirà una rete transnazionale che tragga vantaggio dalle sinergie e dagli obiettivi condivisi di sviluppo regionale.


Data proposta

09/12/2009