GewALT: prevenire la violenza nella cura degli anziani favorisce l‘inclusione sociale

Un progetto transfrontaliero finanziato dall‘Unione europea si propone di prevenire i maltrattamenti usati nei confronti degli anziani e dagli anziani informando e sensibilizzando la collettività e offrendo consigli e formazione a chi presta assistenza a livello sia professionale sia familiare.

Altri strumenti

 
Materiale informativo sviluppato nell‘ambito del progetto e utilizzato per sensibilizzare al problema della violenza contro gli anziati assistiti. Materiale informativo sviluppato nell‘ambito del progetto e utilizzato per sensibilizzare al problema della violenza contro gli anziati assistiti.

" Dall‘inizio del progetto abbiamo effettuato visite presso case di riposo per approfondire le problematiche che rientrano nell‘ambito della violenza agli anziani assistiti. Il nostro studio di valutazione sulla violenza agli anziani assistiti ha evidenziato che in particolare i familiari che si prendono cura dei propri genitori sono spesso confusi e per lo più ignari dell‘esistenza di altre possibilità di supporto. Pertanto è importante portare nella pubblica arena le problematiche che ruotano attorno a tale argomento. "

Esther Jennings, responsabile di progetto

L‘obiettivo principale del progetto è quello di contribuire al raggiungimento di uno stato di cose in cui la cura degli anziani non sia accompagnata da violenze o maltrattamenti. Opuscoli, volantini, corsi di formazione e altro materiale informativo rivolti agli assistenti professionali mostrano come trattare gli abusi e affrontano gli aspetti legali riguardanti la violenza contro gli anziani in Austria e in Italia. Al contempo, una campagna di informazione generale rompe il tabù e affronta apertamente il tema della violenza domestica, rendendo la popolazione consapevole del problema.

Le attività contemplate dal progetto contribuiscono ad accrescere la qualità di vita degli anziani bisognosi di cure, come pure dei loro assistenti e familiari. Contribuiscono, inoltre, a superare il divario generazionale e a rafforzare l‘inclusione sociale degli anziani.

Aiuto e consigli per assistenti e infermieri

Come primo passo, uno studio di valutazione ha stabilito l‘ampiezza e le forme di violenza e maltrattamento tra gli anziani residenti in Tirolo e a Bolzano. I risultati emersi dallo studio sono stati utilizzati quale base per l‘elaborazione di un programma di istruzione e formazione generale, comprensivo di elementi di e-learning. Un gruppo multidisciplinare di esperti in ricerca e formazione sociale, professionisti della cura e dell‘assistenza ed esperti in prevenzione della violenza ha sviluppato il contenuto e il materiale per la formazione, comprensivo di volantini, manifesti e opuscoli mirati e di articoli accademici sul sito Web del progetto, dove sono disponibili, inoltre, linee guida concrete per assumere un comportamento idoneo in caso di maltrattamenti usati nei confronti degli anziani e dagli anziani e chiarimenti in merito alla situazione normativa in Austria e in Italia.

I maltrattamenti e le violenze tra gli anziani costituiscono un problema diffuso: ogni giorno in Europa sono circa 10 000 gli anziani che subiscono abusi. Tuttavia, fino a questo momento i progetti volti a combattere la violenza domestica si sono concentrati maggiormente su donne o bambini. GewALT sviluppa un progetto precedente finanziato dal programma transfrontaliero Interreg IV Italia, «Diagnosi: violenza», il cui obiettivo era sensibilizzare alla violenza domestica medici e altre figure che operano nel settore sanitario.

Investimento complessivo e aiuti comunitari

L‘investimento complessivo per il progetto «GewALT - Gewalt im Alter/Violenza nella terza età» ammonta a 330 210 EUR, di cui 167 589 EUR sono contributi del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) erogati attraverso il programma operativo «Italia-Austria» per il periodo di programmazione 2007-2013.

Data proposta

03/11/2014