CIRCUSE: gestire la destinazione dei suoli a beneficio di tutti

Il progetto CircUse promuove lo sviluppo urbano sostenibile limitando lo sfruttamento dei nuovi spazi verdi e riutilizzando terreni usati solo in passato o sottoutilizzati. La forma di cooperazione territoriale interessata da questo progetto è concepita per fare in modo che varie regioni di paesi diversi possano pilotare aspetti differenti legati alla destinazione sostenibile dei suoli, adottando un approccio basato sullo slogan «previeni, ricicla, indennizza».

Altri strumenti

  •  
  • Riduci carattere  
  • Ingrandisci carattere  
Suolo in Polonia che ha beneficiato del progetto CIRCUSE. Suolo in Polonia che ha beneficiato del progetto CIRCUSE.

" I partner di CircUse si sono impegnati a supportare una svolta sostenibile per quanto riguarda la destinazione dei suoli attraverso l’ulteriore sviluppo del concetto alla base di CircUse e strumenti informativi nei rispettivi ambiti locali, regionali e nazionali. L’obiettivo comune è continuare a promuovere il concetto alla base di CircUse e mantenere i contatti nell’ambito della rete. "

dr.ssa Anna Starzewska-Sikorska, dipartimento delle Politiche in materia di ecologia, Istituto per l’ecologia delle aree industriali, Katowice, Polonia

CircUse è una risposta alla massiccia espansione urbana incontrollata e ai cambiamenti demografici che stanno avvenendo in Europa. Questi ultimi sono sfociati in modelli di utilizzo del suolo urbano non competitivi né sostenibili. In particolare, una maggiore suburbanizzazione riduce la nostra capacità di contrastare i cambiamenti climatici, l’aumento dei costi infrastrutturali e il degrado del suolo in modo efficace.

Riciclare il suolo

Per contrastare questi problemi, la gestione della destinazione dei suoli basata su uno schema circolare, che è poi il presupposto di CircUse, incarna un approccio differente alla destinazione dei suoli stessa. L’approccio è simile a quello adottato per i sistemi di gestione dei rifiuti, per i quali i materiali vengono creati, utilizzati e infine eliminati. Nello scenario peggiore, i materiali vengono eliminati senza essere riutilizzati o riciclati. Nello scenario migliore, però, gli stessi materiali vengono riutilizzati per scopi diversi oppure riciclati in modo efficiente per far sì che possano essere riutilizzati. Il progetto CircUse applica questa logica alla destinazione dei suoli, che vengono concepiti come in uso, «smaltiti» o da riciclare.

Mentre alcuni suoli vengono utilizzati in modo continuativo, altre aree sono invece abbandonate o trascurate dai loro proprietari e usufruttuari. Questa situazione è assimilabile allo scenario peggiore, in cui i materiali non vengono utilizzati e diventano rifiuti. Il progetto CircUse identifica questi appezzamenti di terra, considerati alla stregua di rifiuti, e tenta di «riciclarli» affinché possano essere riutilizzati. Un approccio di questo tipo implica l’individuazione di siti e fabbricati e la loro classificazione nelle seguenti categorie: in corso di pianificazione, in uso, in stato di cessazione d’uso, di abbandono o di uso temporaneo e siti da riutilizzare e/o ricostruire.

Con questo concetto di riciclaggio del suolo, l’espansione della città su nuovi suoli precedentemente non utilizzati è ridotta, le aree non più sfruttate e abbandonate delle città vengono «riciclate» per nuovi possibili usi, mentre per le restanti aree viene riconosciuto un indennizzo quando l’espansione non può essere evitata.

Azioni pilota

Ogni regione partecipante ha aderito a un progetto pilota volto a elaborare un piano d’azione per realizzare una gestione della destinazione dei suoli basata su uno schema circolare che consolidi i centri urbani, sviluppi nuovamente le aree dismesse, sfrutti i lotti edificabili vuoti e preservi gli spazi aperti. Il team del progetto CircUse ha utilizzato metodi diversi per comunicare i risultati del progetto alle categorie interessate identificate, inclusi il settore pubblico, i cittadini, gli studiosi e gruppi appartenenti al settore privato: alcune, ma non tutte le categorie, sono state coinvolte direttamente nella gestione dei suoli. Il progetto è un importante contributo alle attività dell’UE volte a sostenere la dimensione urbana della politica europea.

Investimento complessivo e aiuti comunitari

L’investimento complessivo per il progetto «CIRCUSE» ammonta a 152 318 EUR, di cui 129 470 EUR sono contributi del programma operativo «Europa centrale» per il periodo di programmazione 2007-2013.

Data proposta

24/06/2015