(Interreg V-A) IT-SI - Italy-Slovenia

Territorial co-operation

Altri strumenti

  •  
  • Riduci carattere  
  • Ingrandisci carattere  

Programme description

Obiettivi principali

Il programma «Interreg V-A Italia-Slovenia» è inteso a contribuire al conseguimento degli obiettivi strategici della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Si propone di investire in crescita e innovazione, promuovere la sostenibilità ambientale e migliorare la qualità della vita dei cittadini delle regioni lungo il confine italo-sloveno. Affronterà, inoltre, le problematiche del cambiamento climatico, della mobilità sostenibile e della disoccupazione nell’area transfrontaliera.Le azioni in tali ambiti prioritari saranno integrate dall’impegno a promuovere una più stretta collaborazione tra le amministrazioni locali. Secondo le previsioni ciò offrirà soluzioni alle sfide territoriali collegate a innovazione, economia a basse emissioni di carbonio, ambiente, risorse naturali e culturali e potenziamento della capacità istituzionale.

Complementari ai principali obiettivi del programma sono ulteriori temi trasversali che saranno affrontati attraverso azioni specifiche nei settori delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), delle piccole e medie imprese (PMI) e della formazione.

Priorità di finanziamento

Il programma sarà incentrato sulle tre priorità indicate di seguito.

  1. Promozione delle capacità di innovazione per la maggiore competitività dell’area. Tale priorità si propone di favorire investimenti più efficaci in ricerca e innovazione e in formazione. Particolare attenzione sarà rivolta alla valorizzazione delle attuali potenzialità dei settori innovativi, quali quelli in grado di attrarre investitori stranieri, attraverso una migliore collaborazione tra gli attori pubblici e privati coinvolti nella ricerca e innovazione. Le azioni attuate nel quadro di tale priorità rappresenteranno una risposta tangibile alle sfide e alle esigenze dell’area di cooperazione transfrontaliera. Di fatto, sebbene l’area interessata dal programma sia caratterizzata da solide potenzialità di ricerca e sviluppo e d’innovazione, esiste ancora margine per rafforzare e sviluppare una collaborazione di successo con il settore imprenditoriale, migliorando la competitività del sistema produttivo in un contesto favorevole all’innovazione.
  2. Cooperazione per strategie a basse emissioni di carbonio. Tale priorità si propone di sostenere una crescita economica rispettosa dell’ambiente insieme con la cooperazione transfrontaliera nell’ideazione di soluzioni integrate per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (GES). Il programma, inoltre, svilupperà ed attuerà strategie in materia di energia a basse emissioni di carbonio e di mobilità basate su politiche e misure volte alla tutela dell’ambiente contro il cambiamento antropico. Saranno considerate anche azioni a sostegno della resilienza agli impatti del cambiamento climatico attraverso diverse misure di adattamento e mitigazione. Secondo le previsioni tali strategie diventeranno un nuovo modello di riferimento per lo sviluppo territoriale anche a micro livello. 
  3. Tutela e promozione delle risorse naturali e culturali. Tale priorità si fonda sulla tutela e promozione dei siti naturali e culturali dell’area quali destinazioni di attrazione turistica attraverso diversi strumenti TIC, corsi di formazione per l’acquisizione di nuove abilità e competenze, marketing territoriale, strategie di branding e comunicazione e promozione sui mezzi di comunicazione sociale. Sebbene il turismo sia considerato un importante fattore di sviluppo, si presterà grande attenzione alla sua sostenibilità ambientale. La diversificazione dell’offerta turistica mediante la concentrazione su attività ecologico-naturalistiche, sport, storia, prodotti locali, costumi e tradizioni e altro ancora sottintende un turismo responsabile che ispiri una condotta rispettosa dell’ambiente. Ne deriva la riduzione degli impatti negativi dei flussi turistici sui siti del patrimonio naturale e culturale nonché la creazione di nuove opportunità lavorative.
  4. Potenziamento delle capacità e rafforzamento della governance transfrontaliera. Tale priorità sarà incentrata sulla modernizzazione e sulla maggiore qualità dei servizi offerti dalla pubblica amministrazione. La condivisione delle conoscenze delle buone pratiche congiuntamente all’armonizzazione e al coordinamento delle attività tra le istituzioni transfrontaliere sosterrà tale processo. Un’integrazione più stretta e una comprensione più attenta del quadro legislativo e delle procedure amministrative attuate dai due paesi costituiscono il principale fattore di successo per la competitività di tutta l’area. 

Alcuni risultati attesi

  • Realizzazione di strumenti innovativi per la gestione delle acque e dei rifiuti con tecnologia verde integrata.
  • Partecipazione di 27 istituti di ricerca a programmi di ricerca cooperativa.
  • Collaborazione tra 24 comuni per la riduzione dei consumi energetici.
  • Sostegno con gli interventi del programma a favore di 56 000 ettari di siti naturali.
  • Collaudo e implementazione di 13 tecnologie verdi innovative.
  • Maggiori integrazione, coerenza e armonizzazione della governance locale nell’area transfrontaliera mediante 11 soluzioni congiunte.

Regions

  • Italy
  • Slovenia

Funds

  • Regional Development Fund (ERDF): 77,929,954.00 €

Thematic priorities

  • TA - Technical Assistance
  • TO1 - Research and innovation
  • TO11 - Better public administration
  • TO4 - Low-carbon economy
  • TO6 - Environment and resource efficiency

Financial information

Total OP budget: 92,588,182.00 €

Total EU contribution: 77,929,954.00 €

CCI number: 2014TC16RFCB036