Programma operativo 'Umbria'

Programma nell'ambito dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione, cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)

Italia

Altri strumenti

  •  
  • Riduci carattere  
  • Ingrandisci carattere  

Il 4 ottobre 2007 la Commissione europea ha adottato un programma operativo regionale per la regione italiana dell'Umbria, per il periodo 2007-2013. Il Programma operativo rientra nel quadro dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione e dispone di un bilancio totale di circa 348 milioni di euro. Il finanziamento comunitario, tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), ammonta a circa 150 milioni di euro, il che rappresenta all'incirca lo 0,5% del sostegno finanziario complessivo destinato all'Italia a titolo della politica di coesione per il 2007-2013.

1. Finalità e obiettivi del programma

L'obiettivo principale del programma operativo regionale dell'Umbria consiste nel migliorare il livello generale della qualità della vita degli abitanti della regione, incrementando la competitività regionale e favorendo lo sviluppo sostenibile. Il programma sarà principalmente orientato alla ricerca e all'innovazione, identificati come settori critici, nonché allo sviluppo sostenibile. In particolare, il programma consoliderà la domanda e l'offerta di tecnologie e servizi con un ridotto impatto ambientale e sosterrà inoltre una migliore efficienza produttiva. Il programma svilupperà ulteriormente un'economia basata sulla conoscenza rafforzando le strutture competitive, migliorando l'accesso e l'utilizzazione efficiente delle TIC e garantendo al tempo stesso la sostenibilità ambientale.

Promuovendo la competitività, le strutture economiche innovatrici e lo sviluppo sostenibile, il programma sarà uno strumento importante per raggiungere gli obiettivi indicati nella Strategia di Lisbona riveduta in materia di crescita e occupazione, dal momento che dedica a questi obiettivi circa il 62% del bilancio totale. Gli obiettivi della regione consistono nel:

  • migliorare la competitività attraverso la ricerca e l'innovazione (46%)
  • ridurre le emissioni di carbonio promuovendo le fonti di energia rinnovabili e l'efficienza energetica (15%)
  • migliorare le capacità di attrazione della regione ponendo l'accento in maniera particolare sull'accessibilità e lo sviluppo urbano (21%).

2. Impatto previsto degli investimenti

Il programma intende creare 2000 nuovi posti di lavoro. Fra i risultati previsti per il 2013 vi è una riduzione delle emissioni di gas serra nell’ordine di 49 340 tonnellate all'anno. Inoltre, nell'ambito del programma saranno garantite condizioni per la protezione e il miglioramento della qualità dell'ambiente e la mobilitazione di ulteriori risorse per la prevenzione dei rischi e per la ricerca sulle energie rinnovabili.

3. Priorità

Il programma regionale operativo dell'Umbria è strutturato sulla base dei seguenti assi prioritari:

Priorità 1: Innovazione ed economia della conoscenza [circa il 46,7% del finanziamento totale]

Questa priorità riguarda il sostegno dell'innovazione e dell'economia della conoscenza, con particolare attenzione per la Strategia di Lisbona riveduta in materia di crescita e occupazione. Nell'ambito della priorità proseguirà il sostegno per la ricerca e lo sviluppo (R&S) migliorando le reti, i raggruppamenti e creando centri di competenza. Verranno inoltre sostenuti lo sviluppo delle capacità innovatrici dell'industria e della tecnologia e le TIC, in particolare nel settore dello sviluppo economico locale.

Priorità 2: Ambiente e prevenzione dei rischi [circa il 15% del finanziamento totale]

Questa priorità è intesa a migliorare la qualità della vita degli abitanti dell'Umbria, rispecchiando gli obiettivi regionali di miglioramento della sostenibilità ambientale. Le risorse finanziarie saranno destinate principalmente ad un'infrastruttura tecnica per l'osservazione, l'individuazione, il monitoraggio, la previsione e la fornitura di segnalazioni preventive per quanto riguarda un'ampia gamma di rischi relativi al settore delle risorse idriche. La regione intende promuovere la tutela e il miglioramento dell'ambiente e elaborare risposte adeguate ai rischi ambientali.

Priorità 3: Efficienza energetica e sviluppo di fonti rinnovabili [circa il 15% del finanziamento totale]

L'obiettivo di questo asse prioritario consiste nel ridurre il consumo energetico e, al tempo stesso, incrementare la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili nel tentativo di ridurre l'inquinamento atmosferico e limitare in maniera significativa le emissioni all'origine dei cambiamenti climatici.

Priorità 4: Accessibilità e aree urbane [circa il 21% del finanziamento totale]

Questa priorità è caratterizzata da un approccio fortemente territoriale e verrà attuata tramite i programmi territoriali o urbani integrati orientati principalmente sull'accessibilità e la mobilità sostenibile. Verrà favorito un ricorso diffuso ai mezzi di trasporto con un ridotto impatto ambientale, nonché il riassetto e lo sviluppo delle aree urbane.

Priorità 5: Assistenza tecnica [circa il 3% del finanziamento totale]

L'assistenza tecnica verrà utilizzata per attuare il programma e riguarda l'amministrazione, il monitoraggio, la valutazione, il controllo, nonché l'informazione e la pubblicità.

Informazioni tecniche e finanziarie

Programma operativo 'Umbria'

Tipo d'intervento

Programma operativo

CCI

2007IT162PO013

Number of decision

C/2007/4621

Data di approvazione finale

04/10/2007

Ripartizione delle risorse per asse prioritario

Asse prioritario Investimenti UE Partecipazione pubblica nazionale Partecipazione pubblica totale
Innovazione ed economia della conoscenza 69 988 909 91 144 493 160 133 402
Ambiente e prevenzione dei rischi 22 496 383 29 721 030 52 217 413
Efficienza energetica e sviluppo di fonti rinnovabili 22 496 383 29 721 030 52 217 413
Accessibilità e aree urbane 31 494 937 41 609 442 73 104 379
Assistenza tecnica 4 499 278 5 944 207 10 443 485
Totale 150 975 890 198 140 202 348 116 092