Programma operativo 'Sardegna'

Programma nell'ambito dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione, cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)

Italia

Altri strumenti

  •  
  • Riduci carattere  
  • Ingrandisci carattere  

Il 20 novembre 2007 la Commissione europea ha approvato un Programma operativo regionale per la Sardegna, Italia, per il periodo 2007-2013. Il Programma operativo rientra nell'ambito dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione e prevede una dotazione totale di circa 1,7 miliardi di euro. Il contributo comunitario tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) ammonta a 681 milioni di euro, che rappresentano circa il 2,4% degli investimenti comunitari totali destinati all'Italia nell'ambito della Politica di coesione per il periodo 2007-2013.

1. Scopi del programma

Il Programma operativo Sardegna è destinato ad ovviare alla carenza di infrastrutture e servizi adeguati in termini di acqua, rifiuti, sanità, banda larga, imprese e turismo. Il Programma è quindi rivolto al miglioramento della competitività delle imprese e della capacità della regione di attirare le attività con la diffusione delle innovazioni, promuovendo il potenziale dell'identità locale e delle tradizioni e preservando le risorse naturali. I cambiamenti climatici costituiscono un punto importante: il Programma prevede unicamente mezzi di trasporto sostenibili; oltre l'11% delle risorse devono essere investiti in fonti di energia rinnovabili e in una utilizzazione razionale dell'energia; il 24% delle risorse è destinato a finanziare la ricerca e l'innovazione delle infrastrutture e dei servizi, con particolare attenzione all'aumento della percentuale della ricerca privata.

2. Impatto previsto degli investimenti

Il Programma intende creare circa 5500 nuovi posti di lavoro, di cui 1200 per le donne. Le emissioni di carbonio dovrebbero diminuire del 26% e la produttività delle piccole e medie imprese (PMI) in termini di valore aggiunto dovrebbe aumentare del 9%. Un altro effetto previsto è un miglioramento dell'Indice sintetico dell'innovazione nel quadro di valutazione dell'innovazione in Europa, che dovrebbe salire dallo 0,23 del 2006 allo 0,43 per la fine del periodo di programmazione nel 2013.

3. Priorità

Il Programma operativo si impernia sui seguenti assi prioritari:

Priorità 1: Società dell'informazione [circa il 10% della dotazione complessiva]

Questo asse prioritario ha lo scopo di migliorare la qualità e l'accessibilità dei servizi della società dell'informazione introducendo e utilizzando le tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC). Ciò comprende interventi a sostegno dei servizi di e-government e e-citizenship, oltre alla creazione dei servizi a banda larga nelle zone che soffrono del cosiddetto spartiacque digitale.

Priorità 2: Inclusione, servizi sociali, istruzione e legalità [circa 9,5% della dotazione complessiva]

Questo asse prioritario promuove i servizi e le infrastrutture destinati a ridurre il rischio dell'esclusione sociale e a promuovere l'integrazione e la non discriminazione della popolazione locale. Contribuirà a fornire servizi per combattere l'abbandono della scuola da parte dei minori e migliorare la sicurezza e la legalità in senso lato.

Priorità 3: Energia [circa l'11% della dotazione complessiva]

Lo scopo è di promuovere lo sviluppo sostenibile rendendo più efficiente l'utilizzo dell'energia e utilizzando le fonti di energia rinnovabili.

Priorità 4: Ambiente, attrattiva delle risorse naturali e culturali, Turismo [circa il 22,5% della dotazione complessiva]

La strategia di questo asse prioritario si concentra sull'utilizzo efficiente e sostenibile delle risorse ambientali e sullo sviluppo di risorse naturali e culturali. Lo scopo è di rendere la regione più attraente e dare slancio ad un turismo sostenibile.

Priorità 5: Sviluppo urbano [circa il 18% della dotazione complessiva]

Questa priorità territoriale si concentra sulla promozione dell'attrattiva e della competitività della regione risolvendo disparità di sviluppo interno e migliorando il livello di vita e la qualità della vita in zone urbane svantaggiate.

Priorità 6: Competitività [circa il 27% della dotazione complessiva]

L'obiettivo globale di questa priorità è di dare slancio alla competitività sostenendo la ricerca e l'innovazione nelle imprese e promuovendo la cooperazione tra le università, i centri di ricerca e le imprese. Alcune risorse saranno investite in progetti di sviluppo a livello locale e per i raggruppamenti.

Priorità 7: Assistenza tecnica [circa il 2% della dotazione complessiva]

L'assistenza tecnica ha lo scopo di migliorare l'efficienza e l'efficacia dell'attuazione del Programma e di assicurare che l'informazione relativa al Programma e alla Politica di coesione europea raggiunga il pubblico in generale e i beneficiari.

Informazioni tecniche e finanziarie

Programma operativo 'Sardegna'

Tipo d'intervento

Programma operativo

CCI

2007IT162PO016

Number of decision

C/2007/5728

Data di approvazione finale

20/11/2007

Ripartizione delle risorse per asse prioritario

Asse prioritario Investimenti UE Partecipazione pubblica nazionale Partecipazione pubblica totale
Società dell'informazione 68 067 176 102 100 765 170 167 941
Inclusione, servizi sociali, istruzione e legalità 64 663 818 96 995 726 161 659 544
Energia 74 873 894 112 310 841 187 184 735
Ambiente, attrattiva delle risorse naturali e culturali, turismo 153 151 147 229 726 721 382 877 868
Sviluppo urbano 122 520 918 183 781 377 306 302 295
Competitività 183 781 377 275 672 065 459 453 442
Assistenza tecnica 13 613 435 20 420 153 34 033 588
Totale 680 671 765 1 021 007 648 1 701 679 413