Programma operativo 'Liguria'

Programma nell'ambito dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione cofinanziato dal FESR

Italia

Altri strumenti

 

La Commissione europea ha approvato in data 27 novembre 2007 il "Programma operativo regionale per la Liguria FESR (2007-2013)". Questo programma comporta un sostegno comunitario per la regione Liguria nel quadro dell'obiettivo "Competitività regionale e occupazione". Il bilancio complessivo del programma è pari a 530.235.365 euro e il sostegno comunitario tramite il FESR ammonta a 168.145.488 euro (circa 0,6% dell'investimento complessivo del FESR in Italia nel contesto dell'obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013).

1. Obiettivi e finalità dell'investimento UE

Il programma FESR per la Liguria intende valorizzare la capacità innovativa e la competitività delle imprese costituendo reti e attività di cooperazione con organismi pubblici attivi nel campo della R&S e università, stimolando e incoraggiando la domanda di servizi avanzati da parte delle PMI.

Esso migliorerà anche l'attrattiva della regione diffondendo l'innovazione, valorizzando l'identità e le tradizioni locali e tutelando le risorse naturali. Il cambiamento climatico è una tematica importante: il programma sostiene soltanto modalità di trasporto che siano sostenibili e più dell'11% è investito nelle fonti energetiche rinnovabili e nell'efficienza energetica. Il 24% delle risorse è destinato all'infrastruttura e ai servizi di ricerca e innovazione con un'attenzione particolare ad aumentare la percentuale della ricerca privata.

2. L'impatto previsto dell'investimento

Il programma assicurerà la creazione diretta di circa 10.000 nuovi posti di lavoro, 4.300 dei quali dovrebbero essere occupati da donne. Tra gli impatti previsti entro il 2015 vi sono una riduzione dello 0,12% delle emissioni di carbonio e un aumento del 16% nella produttività delle PMI in termini di valore aggiunto. L'aumento della capacità di esportazione della regione dovrebbe situarsi attorno al 15%. Il programma porterà anche a un miglioramento dell'indice sintetico dell'innovazione di cui al quadro europeo dell'innovazione regionale portandolo dallo 0,23 nel 2006 allo 0,43 alla fine del periodo di programmazione.

3. Priorità

Il programma si articola nelle seguenti priorità:

Priorità 1: Società dell'informazione

Questa priorità intende migliorare la qualità e l'accessibilità dei servizi della società dell'informazione introducendo e applicando le tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Essa comprende interventi a sostegno dei servizi di governo elettronico (e-government) e cittadinanza elettronica (e-citizenship) e il completamento delle strutture a banda larga nelle zone penalizzate dal gap digitale.

Priorità 2: Inclusione, servizi sociali, istruzione e legalità

Questa priorità promuove servizi e infrastrutture atti a ridurre il rischio dell'emarginazione sociale e a migliorare l'integrazione e la non discriminazione tra la popolazione locale. Esso sostiene l'erogazione di servizi per ovviare alla dispersione scolastica e migliorare il quadro legale complessivo e la sicurezza.

Priorità 3: Energia

Questa priorità intende promuovere lo sviluppo sostenibile incoraggiando l'efficienza energetica e le industrie che utilizzano fonti energetiche rinnovabili.

Priorità 4: Ambiente, attrattiva delle risorse naturali e culturali e turismo

La strategia relativa a questa priorità comporta l'uso efficiente e sostenibile delle risorse ambientali e la valorizzazione delle risorse naturali e culturali per accrescere l'attrattiva della regione e incoraggiare il turismo sostenibile.

Priorità 5: Sviluppo urbano

Questa priorità territoriale intende promuovere l'attrattiva e la competitività della regione affrontando il problema delle disparità nello sviluppo interno, migliorando i livelli di vita e la qualità della vita nei centri urbani e nelle aree svantaggiate.

Priorità 6: Competitività

L'obiettivo globale di questa priorità consiste nello stimolare la competitività incoraggiando la ricerca e l'innovazione nelle imprese e promuovendo la cooperazione tra università, centri di ricerca e imprese. Delle risorse saranno anche investite in progetti relativi a cluster e allo sviluppo di distretti.

Priorità 7: Assistenza tecnica

L'assistenza tecnica è finalizzata a migliorare l'efficacia e l'efficienza degli attori che partecipano al programma e a diffondere tra il pubblico e i beneficiari informazioni sul programma e sulla politica di coesione dell'UE.

Informazioni tecniche e finanziarie

Programma operativo 'Liguria'

Tipo d'intervento

Programma operativo

CCI

2007IT162PO005

Number of decision

C(2007) 5905

Data di approvazione finale

27/11/2007

Ripartizione delle risorse per asse prioritario

Asse prioritario Investimenti UE Partecipazione pubblica nazionale Partecipazione pubblica totale
Società dell'informazione 68 067 176 102 100 765 170 167 941
Inclusione, servizi sociali, istruzione e legalità 64 663 818 96 995 726 161 659 544
Energia 74 873 894 112 310 841 187 184 735
Ambiente, attrattiva delle risorse naturali e culturali e turismo 153 151 147 229 726 721 382 877 868
Sviluppo urbano 122 520 918 183 781 377 306 302 295
Competitività 183 781 377 275 672 065 459 453 442
Assistenza tecnica 13 613 435 20 420 153 34 033 588
Totale 680 671 765 1 021 007 648 1 701 679 413