IMPORTANTE AVVERTENZA LEGALE: Le informazioni contenute in questo sito formano oggetto di unaclausola di esclusione di responsabilitÓe di una dichiarazione sui diritti d'autore
  Europa Commissione > Politica regionale > Urban II


Newsroom Newsroom Commissario Dibattito Temi Direzione Generale

 
Urban II
 
contesto
eventi
urban ii: città & programmi
urban ii: finanziamento
audit urbano
urban i (en)
progetti pilota urbani (en)
comunicati stampa (en)
documentazione e carte
  menusubsite
   
   
   
  Spazio visitatori
   
Glossario | Ricerca | Per contattarci | Mailing lists
 


Urban II : Contesto

Interventi strutturali in ambito urbano

Il "Quadro d'azione per uno sviluppo urbano sostenibile", adottato dalla Commissione nell'ottobre 1998, riconosce l'importanza della dimensione urbana nelle politiche comunitarie e sottolinea segnatamente le possibilità offerte dai programmi di sviluppo regionale cofinanziati dai Fondi strutturali.

I documenti di programmazione delle regioni ammissibili agli Obiettivi prioritari 1 e 2 nel corso del periodo 2000-2006 comprendono misure integrate di sviluppo socioeconomico che interessano numerose zone urbane. Grazie ad una impostazione territoriale integrata, queste misure possono contribuire notevolmente allo sviluppo equilibrato o alla riconversione delle regioni a cui si applicano. Inoltre, le misure finanziate nel quadro dell'Obiettivo 3 aumentano la coesione sociale anche nelle città non interessate dagli obiettivi 1 e 2.

L'iniziativa comunitaria Urban II ha un valore aggiunto specifico rispetto agli interventi dei programmi relativi agli obiettivi prioritari, in quanto sostiene la formulazione e l'attuazione di strategie particolarmente innovative di rigenerazione economica e sociale sostenibile in un numero limitato di zone urbane attraverso l'Europa. URBAN II può inoltre fungere da "passerella" tra le impostazioni innovative attuate su piccola scala e l'adozione di un approccio integrato e partecipativo nei principali programmi dei Fondi strutturali.

In tale contesto, Urban II persegue i seguenti obiettivi :

  1. promuovere l'elaborazione e l'attuazione di strategie particolarmente innovative per il recupero socioeconomico dei centri urbani medio-piccoli e dei quartieri in crisi dei grandi agglomerati urbani;
  2. favorire lo sviluppo e lo scambio di conoscenze ed esperienze sulla riqualificazione e sullo sviluppo urbani sostenibili nell'Unione europea.

Nel corso del periodo di programmazione 1994-1999, complessivamente URBAN I ha finanziato programmi in 118 zone urbane. Il contributo comunitario complessivo è stato dell'ordine di 900 milioni di € (prezzi 1999) ed ha consentito un investimento complessivo ammissibile di 1,8 miliardi di €, a favore di 3,2 milioni di persone nell'intera Europa. Le azioni attuate hanno determinato miglioramenti tangibili nella qualità della vita nelle zone beneficiarie. Questi risultati incoraggianti dimostrano l'importanza dell'impostazione proposta da URBAN per risolvere la notevole concentrazione di problemi sociali, ambientali ed economici che colpiscono in modo sempre più grave gli agglomerati urbani. Ciò richiede una serie di interventi che prevedono, oltre al restauro delle infrastrutture vetuste, azioni nei settori dell'economia e dell'occupazione nonché misure intese a combattere l'esclusione sociale ed a migliorare la qualità dell'ambiente.

Nel periodo 1989 - 1999, 164 milioni di € supplementari sono stati utilizzati per finanziare 59 Progetti pilota urbani (PPU) nell'ambito delle azioni innovative del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). Questi processi hanno favorito l'innovazione urbana nonché la sperimentazione nei settori economico, sociale e ambientale su una scala più ridotta rispetto ad URBAN, producendo tuttavia risultati incoraggianti soprattutto per quanto riguarda le impostazioni in tema di riqualificazione urbana basate sulla partecipazione e sull'integrazione.


 

Last modified on