Piccoli partenariati collaborativi

Come fare domanda

Le organizzazioni interessate possono presentare domanda mediante l'Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

Obiettivo

I piccoli partenariati collaborativi intendono:

  • favorire l'integrazione e le pari opportunità
  • promuovere gli sport e i giochi tradizionali europei
  • sostenere la mobilità di volontari, allenatori, gestori e personale di organizzazioni sportive senza scopo di lucro
  • proteggere gli atleti, soprattutto quelli più giovani, dai rischi per la loro salute e sicurezza migliorando le condizioni in cui si svolgono gli allenamenti e le gare
  • creare sinergie con e fra le politiche nel settore dello sport a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

In un'ottica più ampia, i piccoli partenariati collaborativi sono destinati a contribuire alle strategie dell'UE nel settore dello sport.

Opportunità

Il programma Erasmus+ offre alle organizzazioni, alle amministrazioni pubbliche e agli altri soggetti interessati la possibilità di sviluppare, trasferire e realizzare pratiche innovative nello sport fra organizzazioni,

Obiettivo dei piccoli partenariati collaborativi è promuovere la creazione e lo sviluppo di reti europee nel settore dello sport grazie a molteplici attività, fra cui:

  • creare reti fra gli interessati
  • promuovere, identificare e condividere le buone pratiche
  • preparare, sviluppare e realizzare moduli e strumenti per la didattica e la formazione
  • sensibilizzare al valore aggiunto offerto dallo sport e dall'attività fisica
  • promuovere sinergie innovative fra sport, salute, istruzione, formazione e giovani
  • migliorare la base empirica dell'importanza dello sport per affrontare le sfide sociali ed economiche
  • organizzare conferenze, seminari, incontri, eventi e campagne di sensibilizzazione a sostegno delle attività elencate.

Come funziona

Le organizzazioni possono candidarsi nell'ambito di un consorzio costituito da almeno tre organizzazioni di altrettanti paesi partecipanti al programma. Possono partecipare anche le organizzazioni dei paesi partner, ma il richiedente deve avere sede in un paese partecipante al programma.

Cos'altro c'è da sapere

I progetti devono durare 12, 18, 24, 30 o 36 mesi. La durata va specificata nella domanda tenendo conto dell'obiettivo del progetto e del tipo di attività previste.

Come fare domanda

Le organizzazioni interessate possono presentare domanda mediante l'Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

Per saperne di più

Principale fonte di informazioni sui piccoli partenariati collaborativi è la guida del programma Erasmus+, mentre l'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura può fornire ulteriori informazioni su come presentare una candidatura.

Per maggiori informazioni, è possibile contattare l'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

Condividi questa pagina