Percorso di navigazione

Per un'Europa interconnessa - 28/03/2011

Per migliorare l'efficienza dei trasporti, i progetti intendono collegare la rete stradale, ferroviaria, aerea e fluviale/marittima e ridurre le importazioni di petrolio e le emissioni di gas serra.

Un nuovo piano europeo per i trasporti DeutschEnglishfrançais intende migliorare la mobilità e l'integrazione delle reti di trasporto dell'UE, riducendo anche le emissioni di gas serra e la dipendenza dalle importazioni di petrolio.

Le misure per incoraggiare ingenti investimenti nelle infrastrutture e cambiare le modalità del trasporto merci e passeggeri rilanceranno la competitività economica e creeranno occupazione.

Il piano, da realizzare entro il 2050, si concentra sul trasporto urbano e interurbano e sui viaggi sulle lunghe distanze. Fra gli obiettivi:

  • le città elimineranno completamente l'uso di auto a benzina
  • le ferrovie o le vie navigabili saranno usate per il 50% del trasporto merci e passeggeri interurbano su distanze di oltre 300 km, attualmente effettuato su strada
  • le compagnie aeree useranno fino al 40% di carburanti sostenibili meno inquinanti
  • il trasporto marittimo ridurrà del 40% le emissioni di carbonio.

Realizzando questi obiettivi, entro il 2050 l'UE ridurrà del 60% le emissioni di gas serra prodotte da tutti i modi di trasporto.

Connessioni migliori

Collegare efficacemente il trasporto stradale, ferroviario, aereo e fluviale/marittimo creerà una rete di trasporto europea più efficiente e faciliterà la circolazione delle persone e delle merci.

Il piano prevede che, entro il 2020, i sistemi europei di informazione, gestione e pagamento nel trasporto merci e passeggeri saranno interconnessi. Entro il 2050, tutti i principali aeroporti saranno collegati alla rete ferroviaria, preferibilmente con treni ad alta velocità. I porti marittimi più importanti saranno collegati alla rete ferroviaria del trasporto merci e, se possibile, alle vie navigabili interne.

Inoltre, l'UE estenderà e coordinerà l'applicazione dei principi "chi usa paga" e "chi inquina paga" per finanziare le infrastrutture di trasporto.

Tra le altre misure previste figurano:

  • incoraggiare tecnologie per i motori, carburanti e sistemi di gestione del traffico di nuova generazione
  • coordinare entro il 2020 la gestione dei sistemi di controllo del traffico aereo tramite il programma Cielo unico europeo English dell'UE, estendendolo ai 58 paesi dello Spazio aereo comune europeo
  • installare sistemi intelligenti di gestione dei trasporti
  • dimezzare il numero di vittime della strada entro il 2020, portandolo quasi a zero entro il 2050

I trasporti sono vitali per l'economia, la crescita dell'occupazione e la qualità della vita. Questo settore impiega direttamente dieci milioni di persone e rappresenta il 5% circa del prodotto interno lordo dell'UE. In media, una famiglia spende il 13% del proprio bilancio per i trasporti.

Per saperne di più sui trasporti English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili