Percorso di navigazione

Autobus in servizio a Lussemburgo

L'UE difende anche chi viaggia in autobus e in nave.

In base ad una nuova proposta della Commissione, chi viaggia in autobus o in nave avrebbe gli stessi diritti di chi si sposta in aereo o in treno, ivi compreso il diritto ai pasti, al pernottamento in albergo e ai servizi alternativi in caso di cancellazione o interruzione del viaggio. Le compagnie che violano tale diritto dovrebbero risarcire ai passeggeri almeno una parte del biglietto.

I disabili e gli altri passeggeri a mobilità ridotta avrebbero diritto a un'assistenza gratuita durante il viaggio. Gli operatori dei servizi di trasporto sarebbero inoltre ritenuti responsabili in caso di perdita o danneggiamento del bagaglio o di ferimento o incidente mortale ai danni dei passeggeri.

Questi ultimi avrebbero diritto a ricevere una serie di informazioni sul viaggio e a disporre di efficaci procedure di ricorso. Da parte loro, le compagnie avrebbero due mesi di tempo per contestare eventuali richieste dei passeggeri, prima che siano automaticamente considerate accolte.

I passeggeri del trasporto aereo e ferroviario godono di diritti analoghi English già dal 2005. Per conformarsi a queste norme, le linee aeree spendono circa 60 centesimi a passeggero. Il costo a carico degli operatori del trasporto navale e in autobus dovrebbe essere inferiore. Per la risoluzione delle controversie verranno istituiti appositi organismi nazionali indipendenti. La nuova normativa si applicherà sia agli itinerari interni che a quelli internazionali.

"L'UE non può permettere che il livello dei diritti dei passeggeri vari a seconda del modo di trasporto utilizzato," ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Antonio Tajani, responsabile dei trasporti. "Con questi due nuovi regolamenti, copriremo tutti i mezzi di trasporto."

Le proposte prevedono norme più rigorose di quelle attuali per le due modalità di trasporto citate precedentemente, un risultato che l'apertura del mercato non è finora riuscita a garantire.

Nel frattempo la Commissione sta preparando una relazione che analizza l'applicazione dei diritti dei passeggeri da parte delle compagnie aeree. A tale riguardo, Tajani ha annunciato l'intenzione di adottare misure all'inizio dell'anno prossimo nei confronti dei paesi inadempienti.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili