Percorso di navigazione

L'iniziativa "Clean Sky" pronta al decollo - 05/02/2008

Scie di un aereo in un cielo azzurro

L'iniziativa tecnologica congiunta "Clean Sky" ("Cielo pulito") riunisce partner dei settori pubblico e privato al fine di sviluppare trasporti aerei in grado di combinare rispetto dell'ambiente, innovazione e competitività.

Il settore dell’aviazione si trova in una fase critica per il suo sviluppo. Il suo impatto in termini di emissioni di gas a effetto serra, attualmente pari al 3% delle emissioni totali, rischia di aggravarsi con l’aumento costante del traffico aereo. Il trasporto aereo è anche una delle principali fonti di inquinamento acustico. Infine, l’industria aeronautica europea si trova ad affrontare una concorrenza sempre più agguerrita a livello mondiale.

L’Unione europea ha deciso di raccogliere la sfida puntando su un partenariato pubblico-privato senza precedenti, che riunisce i principali operatori dell’industria aeronautica e rappresentanti del mondo della ricerca.

Questa scommessa si concretizza oggi nel lancio dell’iniziativa tecnologica congiunta “Clean Sky” English, che riunisce 86 organizzazioni di 16 paesi, 54 imprese, di cui 20 PMI, 15 centri di ricerca e 17 università.

Questo nuovo tipo di partenariati è il frutto del programma specifico “Cooperazione” del 7° programma quadro europeo (7° PQ) English per la ricerca e lo sviluppo. Forte di una dotazione di 1,6 miliardi di euro (di cui 800 milioni a titolo del 7° PQ), l’iniziativa intende accelerare lo sviluppo di tecnologie innovative per dare vita ad una nuova generazione di “aeromobili ecologici”.

“Clean Sky” sarà incentrata su sei settori tecnici English (“dimostratori tecnologici integrati”), che andranno dai motori all’architettura stessa degli aeromobili. Un valutatore tecnologico English analizzerà i risultati delle ricerche, dalla fase sperimentale alle dimostrazioni in volo. 

L’obiettivo dell’iniziativa “Clean Sky” è quello di ridurre, entro il 2020, del 50% le emissioni di CO2, dell’80% quelle di NOx e del 50% l’inquinamento acustico, e di introdurre al tempo stesso un ciclo di vita ecologico dei prodotti, che prenda in considerazione tutte le fasi: progettazione, fabbricazione, manutenzione ed eliminazione/riciclaggio.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili