Percorso di navigazione

Prospettive migliori per i ricercatori - 28/05/2008

Microbiologa impegnata nell'analisi di ciliegie a Saragozza, Spagna

Grazie ad una partnership tra i paesi dell’UE, l’Europa dovrebbe diventare un luogo più attraente per i ricercatori.

L’Europa produce più laureati in discipline scientifiche e in ingegneria degli USA o del Giappone, ma non riesce a trattenerli. La bassa percentuale di laureati che svolgono attività di ricerca in ambito lavorativo è motivo di preoccupazione, specie oggi che l’Europa è impegnata a sviluppare un’economia basata sulla conoscenza.   

I problemi principali sono i seguenti:

  • in molti paesi europei, il settore pubblico assume per concorso solo un piccolo numero di ricercatori;
  • i giovani ricercatori devono spesso accontentarsi di contratti di breve durata;
  • la carriera si basa più sull’anzianità che sul merito;
  • la formazione accademica tradizionale non assicura una preparazione adeguata alle attuali esigenze dell’economia.

Per  rimediare a questa situazione, l’UE propone ai governi degli Stati membri una partnership per promuovere un sistema di assunzioni più aperto, una migliore copertura previdenziale e pensionistica per i ricercatori che lavorano all’estero, migliori condizioni contrattuali e di lavoro e un più ampio accesso ad una formazione complementare.

Secondo il commissario europeo per la Ricerca, Janez Potočnik, occorre instaurare una “quinta libertà” – la libertà di conoscenza – che offra agli studenti, agli scienziati e ai ricercatori universitari l’opportunità di lavorare in Europa, evitando che siano indotti ad emigrare o scegliere una carriera in un settore diverso.

La comunicazione pubblicata oggi è una delle cinque iniziative promosse a seguito della consultazione pubblica del 2007 su “Nuove prospettive per lo Spazio europeo della ricerca ”, da cui è emersa la necessità di dare la massima priorità alla creazione di un mercato del lavoro su scala europea per i ricercatori. Oltre l'80% di coloro che avevano risposto si erano dichiarati favorevoli all’idea di una partnership tra l’UE e i governi degli Stati membri che garantisca un uso coordinato, efficiente e coerente degli strumenti e dei mezzi giuridici e finanziari.

Spazio europeo della ricerca: fatti e cifre English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili