Percorso di navigazione

Crescita e occupazione al centro della politica di coesione regionale 2014-2020 - 06/10/2011

L'obiettivo è migliorare i finanziamenti per le regioni dell'UE e promuovere programmi per la crescita e l'occupazione di forte impatto.

Nell'Unione europea esistono profonde differenze a livello di sviluppo economico, produttività e opportunità di lavoro.

Un terzo circa del bilancio dell'UE è impiegato per ridurre questo divario, con l'intento di aiutare le regioni meno sviluppate a trarre beneficio dal mercato europeo.

I finanziamenti vanno a favore di programmi per sviluppare le competenze della manodopera locale, incoraggiare l'imprenditorialità, migliorare le infrastrutture e proteggere l'ambiente. Milioni di europei hanno già beneficiato di fondi regionali mirati.

A favore di questi programmi le proposte di bilancio DeutschEnglishfrançais dell'UE per il periodo 2014-2020 stanziano 376 miliardi di euro. La Commissione propone inoltre un nuovo approccio per migliorare l'efficacia di questo ciclo di finanziamenti e conseguire gli obiettivi a lungo termine della strategia Europa 2020, il piano dell'UE per la crescita e l'occupazione.

Le proposte English concentrano i finanziamenti su un numero inferiore di priorità finalizzate a realizzare gli obiettivi fissati.

Ogni paese concluderà con la Commissione un contratto di collaborazione che definirà le priorità di investimento e i risultati da conseguire.

Per ottenere un finanziamento sarà necessario rispettare determinate condizioni. Grazie a un controllo più efficiente sarà garantita la realizzazione degli obiettivi.

Per i programmi che apportano il maggior contributo alla crescita e alla creazione di posti di lavoro saranno disponibili finanziamenti supplementari.

Saranno introdotte regole comuni per i vari fondi che mettono a disposizione risorse per lo sviluppo sociale, le aree rurali, le zone costiere, la cooperazione fra regioni frontaliere, la pesca e i paesi meno sviluppati. Sarà inoltre possibile combinare i finanziamenti erogati da fondi diversi.

Sarà più semplice richiedere un finanziamento: gli oneri amministrativi diminuiranno, soprattutto per le piccole imprese, e, in generale, i costi caleranno.

Tutti gli Stati membri beneficeranno dei finanziamenti, che però si concentreranno a favore di quelli il cui prodotto interno lordo è inferiore al 75% della media UE.

Le prossime tappe

Se le proposte saranno approvate dai ministri degli Stati membri riuniti all'interno del Consiglio dell'UE e dal Parlamento europeo nel 2012, dovrebbero entrare in vigore nel 2014.

I rappresentanti regionali discuteranno le nuove proposte agli Open Days 2011 English che si terranno a Bruxelles dal 10 al 13 ottobre.

Per saperne di più sui fondi a sostegno dei paesi e delle regioni dell'UE

Per saperne di più sulla politica regionale dell'UE

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili