Percorso di navigazione

L'UE sollecita un maggiore impegno per contrastare il diffondersi dell'estremismo - 16/01/2014

Il commissario agli Affari interni Cecilia Malmström © UE

Un piano d'azione in 10 punti pubblicato dalla Commissione europea invita i paesi dell'UE ad intensificare gli sforzi per contrastare la minaccia dell'estremismo violento.

Il piano sollecita interventi preventivi e coordinati più incisivi per combattere la radicalizzazione di potenziali terroristi e la crescente minaccia dell'estremismo politico violento in tutta Europa.

Sostegno alle strategie di uscita

Una delle principali proposte prevede un maggiore impegno per impedire la partecipazione ad attività estremiste o favorire la dissociazione dalle ideologie radicali. A tal fine, la Commissione invita i paesi dell'UE ad elaborare programmi per incoraggiare gli estremisti ad abbandonare gli ambienti che frequentano e la violenza.

Il piano prevede anche la creazione di una piattaforma europea per facilitare lo scambio di informazioni, ricerche e migliori pratiche nella lotta all'estremismo politico. Un'altra proposta raccomanda l'uso di forum di discussione e dei social media per combattere la diffusione della propaganda e le tecniche di reclutamento online.

Contrasto alla radicalizzazione al di fuori delle frontiere dell'UE

Le misure proposte non intendono soltanto prevenire la violenza estremista in Europa, ma anche scoraggiare i cittadini europei che intendono recarsi all'estero per commettere atti terroristici, frequentare campi di addestramento o combattere nelle zone di conflitto. Tali esperienze tendono ad acuire il radicalismo di queste persone, che al loro ritorno possono costituire una minaccia per la sicurezza interna dell'Europa.

La Commissione erogherà dei fondi per la formazione degli operatori di prima linea, come autorità di contrasto e penitenziarie e assistenti sociali, affinché possano riconoscere e aiutare i soggetti a rischio di sposare teorie estremiste.

Le 10 raccomandazioni sono il risultato di due anni di lavoro della rete di sensibilizzazione alla radicalizzazione (RAN), fondata dalla Commissione nel 2011 e composta da 700 esperti e operatori di prima linea provenienti da tutti i paesi europei.

La Commissione ha stanziato 20 milioni di euro per agevolare l'attuazione delle raccomandazioni nei prossimi 4 anni.

Comunicato stampa: La risposta dell'UE alla radicalizzazione e all'estremismo violento

Rete di sensibilizzazione alla radicalizzazione English (en)

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili