Percorso di navigazione

Diritti fondamentali al centro delle politiche europee - 16/04/2012

Statua della Giustizia con la bandiera europea © UE

I diritti fondamentali sono sempre più presenti nelle normative europee, anche se a volte vengono fraintesi.

La Carta europea dei diritti fondamentali English – in vigore e giuridicamente vincolante da ormai più di 2 anni – sancisce i diritti che sono tutelati all'interno dell'UE. Tra questi figurano la libertà di espressione, la dignità, l'uguaglianza e la giustizia.

Chiunque ritenga di aver subito una violazione dei propri diritti mediante l'attuazione della normativa europea può rivolgersi ad un giudice o difensore civico nazionale. Se non soddisfatto della risposta ricevuta, può presentare una denuncia alla Commissione europea.

La Commissione è tenuta a garantire che i paesi dell'UE rispettino i diritti fondamentali quando attuano la normativa europea e che le proposte da lei stessa avanzate siano compatibili con la Carta.

Ogni anno pubblica una relazione che illustra fino a che punto la Carta viene rispettata nei vari paesi dell'UE. La relazione 2011 English segnala come le proposte dell'UE aumentino la tutela di alcuni diritti; ad esempio, negli aeroporti europei i viaggiatori potranno in futuro chiedere di essere sottoposti a controlli di sicurezza alternativi al body scanner.

La Carta sta inoltre avendo un'influenza crescente sulle sentenze dei tribunali. Nel 2011 è stata citata in una sentenza storica sul diritto dei richiedenti asilo di essere protetti da trattamenti inumani o degradanti, mentre un'altra sentenza condannava il carattere discriminatorio della pratica di differenziare i premi assicurativi tra uomini e donne.

Nonostante il chiaro successo giuridico della Carta, i cittadini europei spesso non riescono a coglierne le finalità e la portata. Nel 2011 più della metà delle lettere inviate alla Commissione riguardavano argomenti che esulavano dal campo d'applicazione della normativa europea.

In compenso i cittadini sono oggi più consapevoli della Carta rispetto al 2007 (64% contro il 48%, secondo un sondaggio Eurobarometro Englishfrançais ), anche se il 65% degli europei vorrebbe sapere meglio a chi rivolgersi in caso di violazione dei loro diritti.

La Commissione non ha il potere di intervenire in ogni caso in cui sospetti una violazione dei diritti fondamentali all'interno dell'UE; può soltanto farlo qualora tale violazione avvenga durante la fase di attuazione della normativa europea da parte delle autorità nazionali.

Per saperne di più sui diritti fondamentali

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili