Percorso di navigazione

Gestire l'immigrazione in modo equo ed efficace - 26/05/2011

Una rappresentante dell'ONU con dei profughi in un centro di accoglienza a Lampedusa © UE

Le nuove misure aiuteranno i paesi dell'UE a gestire meglio il flusso di immigrati, colmare le carenze di manodopera e prevenire gli abusi.

La libera circolazione è un diritto fondamentale dei cittadini dell'UE. Tuttavia, occorre anche gestire con efficacia l'immigrazione alle frontiere esterne dell'UE, favorendo al tempo stesso l'ingresso legale dei lavoratori qualificati.

Colmare le lacune del mercato del lavoro

Considerando il basso tasso di natalità e l'invecchiamento della popolazione, l'Europa dipenderà sempre più dalla manodopera immigrata. L'attuale situazione nell'Africa settentrionale offre un'opportunità sia per l'UE che per quanti fuggono da disordini civili, persecuzioni e guerre.

Se i livelli storici di immigrazione resteranno invariati, nel 2060 l'Europa avrà 50 milioni di lavoratori in meno. Se invece il flusso di immigrati diminuirà, ci saranno 110 milioni di lavoratori in meno rispetto a oggi per finanziare il sistema previdenziale, in particolare le pensioni.

Nel 2020, soltanto nel settore sanitario, ci sarà bisogno di circa un milione di operatori. Gli immigrati possono contribuire a svolgere queste ed altre mansioni.

Pertanto, la Commissione propone una serie di nuove misure English per gestire meglio il flusso di immigrazione dai paesi nordafricani, offrendo così ai lavoratori con le competenze richieste più possibilità di entrare legalmente nell'UE.

Collaborare

L'UE vuole sviluppare "partnership per la mobilità" per aiutare la Tunisia, il Marocco e l'Egitto a elaborare programmi di assunzione di lavoratori per l'UE. Il piano prevede il riconoscimento dei titoli professionali e di studio.

In cambio, i paesi dell'UE dovrebbero beneficiare dell'arrivo di lavoratori adeguatamente qualificati per sopperire alla carenza di manodopera.

L'UE predisporrà inoltre programmi di rimpatrio per quanti desiderano rientrare nel loro paese di origine.

Grazie a questi partenariati, anche studenti, ricercatori e imprenditori potranno ottenere più facilmente un visto per l'UE.

Da parte loro, i paesi di origine degli immigrati dovranno potenziare i controlli sull'emigrazione clandestina, migliorare la gestione delle frontiere e contrastare il contrabbando e la tratta di esseri umani.

Prevenire gli abusi

Sono previste anche modifiche alle norme dell'UE in materia di visti English , che potranno essere reintrodotti, anche solo temporaneamente, per i cittadini extra UE in circostanze speciali, per esempio in caso di ondate di immigrati clandestini o di falsi richiedenti asilo.

Le prossime fasi

Le proposte saranno discusse dai paesimembrial prossimo vertice dell'UE a Bruxelles il 24 giugno 2011.

Per saperne di più sull'immigrazione English

Relazione annuale sull'immigrazione e l'asilo (2010) English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili