Percorso di navigazione

Per un approccio comune all'immigrazione - 06/05/2011

Ragazzo che gioca a pallone in un centro d'accoglienza di Malta © UE

L'UE intende creare un sistema comune di asilo, rafforzare i controlli alle frontiere, aumentare la sorveglianza nell'area di Schengen e sfruttare la politica di immigrazione per colmare le lacune del mercato del lavoro.

Aiutare gli immigrati

Dall'inizio dell'anno le tensioni politiche nei paesi nordafricani hanno provocato lo sbarco di 25 000 persone sulle coste europee, specie quelle di Italia e Malta.

L'Unione europea ha l'obbligo morale di offrire protezione ai richiedenti asilo, e tutti i paesi europei hanno il dovere di dare una mano quando un improvviso afflusso di immigrati mette a repentaglio la capacità di accoglienza dei paesi che si trovano in prima linea.

Ma le immagini di barconi in arrivo e spiagge prese d'assalto non devono distogliere dal fatto che è nell'interesse stesso dell'Europa avere un approccio più strutturato, globale e a lungo termine all'asilo e all'immigrazione.

Aiutare noi stessi

I numeri parlano da soli. Nel 2007 la popolazione in età lavorativa ammontava in Europa a 235 milioni di persone. Questi lavoratori pagano le nostre pensioni e finanziano i nostri sistemi sanitari e previdenziali, che sono già sotto pressione.

Nel 2060 mantenendo i livelli storici di immigrazione, l'Europa avrà 50 milioni di lavoratori in meno. In caso contrario, mancheranno all'appello 110 milioni di lavoratori per tenere in vita il modello sociale europeo.

Nel 2020, soltanto nel settore sanitario, ci sarà bisogno di circa un milione di operatori. Gli immigrati possono contribuire a svolgere queste ed altre mansioni.

Un approccio equilibrato

Le nuove proposte della Commissione sull'immigrazione English operano una distinzione tra immigrati clandestini in cerca di migliori condizioni economiche, rifugiati, richiedenti asilo e persone temporaneamente sfollate che desiderano ritornare nel loro paese d'origine. Le proposte prevedono tra l'altro:

  • l'adozione entro il 2012 di un approccio comune per i richiedenti asilo
  • più controlli alle frontiere esterne dell'UE e maggiore sorveglianza nell'area interna di libera circolazione per prevenire l'immigrazione clandestina e la criminalità
  • uso dell'immigrazione legale per colmare i previsti fabbisogni in termini di personale e di qualifiche
  • lo scambio di informazioni sulle migliori modalità d'integrazione degli immigrati regolari
  • un approccio strategico alle relazioni con i paesi extra UE per agevolare l'immigrazione legale e prevenire quella clandestina.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili