Percorso di navigazione

Schiavitù moderna: gli orrori della tratta di esseri umani - 18/10/2010

Mani legate con una corda © iStock/Juanmonino

La lotta contro la tratta di esseri umani non è ancora abbastanza efficace: occorre una strategia coordinata dell'UE per combattere i colpevoli e proteggere le vittime.

Questo fenomeno criminale è in crescita sia nell'UE che nel resto del mondo. Secondo una relazione Europol English del 2009, l'espansione a Est dell'Unione europea e l'allentamento dei controlli lungo le frontiere interne hanno determinato un aumento del traffico di esseri umani tra i paesi membri e dai paesi extra-UE.

Le donne e i bambini, le due principali vittime di questo fenomeno, vengono utilizzati per fini di prostituzione e manodopera a basso costo. I minori vengono anche sfruttati come mendicanti o per attività illecite (piccoli furti, ecc.).

La tratta di esseri umani frutta milioni di euro ed è gestita da reti criminali. Si stima che nell'UE le vittime siano ogni anno diverse centinaia di migliaia.

Prevenire la tratta, perseguire i colpevoli e aiutare le vittime sono gli obiettivi alla base della strategia comune dell'UE per combattere questa forma moderna di schiavitù.

Nell'ambito della quarta Giornata europea contro la tratta di esseri umani si terrà dal 18 al 19 ottobre a Bruxelles una conferenza DeutschEnglishfrançaisNederlands per discutere su come raggiungere questi obiettivi e puntare i riflettori su un'attività criminale difficile da contrastare, anche perché le vittime hanno spesso paura di uscire allo scoperto e sporgere denuncia.

Per intensificare l'azione di contrasto, la Commissione propone una strategia comune a livello europeo e internazionale. All'interno dell'UE, tale strategia migliorerebbe la cooperazione giudiziaria e di polizia tra i paesi membri, conferendo una maggiore coerenza alla legislazione e alle sentenze.

I cittadini dell'UE saranno perseguiti anche se hanno commesso il reato all'estero. Lo stesso vale per chi sfrutta i servizi prestati dalle vittime.

Queste ultime saranno più protette e potranno contare su un'assistenza legale migliore. I paesi dell'UE potranno anche rilasciare permessi di soggiorno collegati alla durata del procedimento in cambio della collaborazione delle vittime con gli inquirenti.

L'UE si sta muovendo anche sul fronte internazionale: eroga finanziamenti e collabora con gli altri paesi per stroncare il fenomeno alla fonte.

Per saperne di più sull'azione dell'UE contro la tratta di esseri umani English

Per saperne di più sulle misure internazionali English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili