Percorso di navigazione

Discriminazioni in primo piano - 29/04/2010

Logo del premio © UE

Un concorso europeo premia ogni anno articoli dedicati al problema delle discriminazioni in Europa.

In un recente sondaggio DeutschEnglishfrançais dell'UE circa il 16% degli intervistati hanno dichiarato di essere stati oggetto di discriminazioni almeno una volta nel corso del 2009. Dai risultati emerge che il fenomeno della discriminazione è assai diffuso e non colpisce solo gli appartenenti ad una minoranza.

L'UE dispone di una normativa di ampio respiro contro le discriminazioni; la prima legislazione per la parità uomo-donna risale al 1957. Nel 2000 l'UE ha adottato regole innovative contro le discriminazioni sul lavoro per motivi di razza, etnia, religione, disabilità, età e orientamento sessuale. Le discriminazioni su base razziale ed etnica sono vietate anche nel campo dell'istruzione, della sicurezza sociale, dell'assistenza sanitaria e dell'accesso a beni e servizi come la casa.

Ma l'efficacia di una legge dipende anche dalla conoscenza che le persone hanno dei propri diritti e dalla loro volontà di farli valere. I media possono contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica e un premio giornalistico serve a dare un riconoscimento a coloro che s'impegnano a farlo.

Per il sesto anno consecutivo, giornalisti di tutta l'Unione europea hanno sottoposto ad una giuria nazionale alcuni loro articoli dedicati al tema delle discriminazioni. Gli articoli dovevano essere stati pubblicati su testate web o della carta stampata. Ogni giuria nazionale ha scelto il proprio vincitore, lasciando la decisione finale ad un gruppo indipendente di professionisti ed esperti del mondo dei media. I vincitori europei English sono stati annunciati oggi dal commissario per i Diritti fondamentali e la cittadinanza Viviane Reding, che ha anche dato il via al concorso di quest'anno.

Poiché l'UE ha proclamato il 2010 Anno europeo della lotta alla povertà, un premio speciale è stato assegnato all'articolo che meglio ha illustrato il nesso fra difficoltà economiche e discriminazione.

Il premio giornalistico è una delle tante attività organizzate nell'ambito dell'attuale campagna contro le discriminazioni, che promuove forme di collaborazione e lo scambio di informazioni in tutta Europa. Da quando è stata lanciata, nel 2003, sono stati promossi concorsi fotografici e pubblicitari, eventi sportivi e conferenze. Le modalità sono diverse, ma l'obiettivo uno solo: promuovere il dibattito sulle discriminazioni e sull'importanza della parità nella diversità.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili