Percorso di navigazione

Fermiamo le mutilazioni genitali femminili! - 08/03/2013

La Commissione lancia una consultazione per raccogliere pareri su come arrestare le mutilazioni genitali eseguite su donne e bambine.

La rimozione parziale o totale degli organi genitali femminili esterni è praticata per motivi prettamente culturali, religiosi e sociali, non certo per ragioni terapeutiche.

Si stima che centinaia di migliaia di donne che vivono in Europa abbiano subito simili mutilazioni. Ma le donne soggette a queste pratiche sono tra i 100 e i 140 milioni in tutto il mondo, 90 milioni nella sola Africa. Si tratta di pratiche che espongono le vittime a gravi conseguenze fisiche e psicologiche.

Molte altre donne e bambine saranno costrette a subire le stesse violazioni a meno che tutti i governi non intensifichino la prevenzione – in Europa e nel resto del mondo.

Le mutilazioni genitali sono illegali nella maggior parte dei paesi, eppure queste pratiche non accennano a diminuire. I procedimenti giudiziari sono molto rari, a causa della difficoltà di scoprire i reati e raccogliere prove sufficienti e della riluttanza a denunciarli per una serie di ragioni.

Abbiamo bisogno di aiuto

Potete aiutarci a trovare un modo per porre fine a queste pratiche in Europa rispondendo alle domande di una consultazione online DeutschEnglishfrançais .

Secondo una recente relazione English , esistono vittime o ragazze a rischio in almeno 13 paesi dell'Unione: Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Spagna, Finlandia, Francia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Svezia e Regno Unito. La relazione illustra più dettagliatamente gli interventi dei governi dell'UE per combattere queste pratiche.

In occasione della giornata internazionale della donna Englishespañolfrançais , l'8 marzo, la Commissione ha annunciato uno stanziamento supplementare di 3,7 milioni di euro per i programmi dell'UE destinati a prevenire la violenza sulle donne. Altri 11,4 milioni di euro andranno ad organizzazioni della società civile e altri operatori che prestano assistenza alle vittime.

Tra le altre azioni dell'UE per far cessare le mutilazioni genitali femminili English (e tutte le forme di violenza nei confronti delle donne) in Europa e altrove figura il sostegno alle vittime e potenziali vittime nei paesi in cui sono praticate.

Le ricerche condotte dall'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere Englishlietuvių kalba permettono all'UE di orientare la sua azione in questo campo e di indirizzare le risorse dove ce n'è più bisogno.

Per saperne di più sulla violenza sulle donne DeutschEnglishfrançais

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili