Percorso di navigazione

Obiettivi di sviluppo del millennio: è ora di aumentare la velocità - 21/04/2010

Un africano avvolto nella bandiera europea © CE

Raccomandazioni su come i paesi dell'UE possono realizzare gli obiettivi di lotta a fame, povertà e malattie.

Il commissario per lo Sviluppo Andris Piebalgs ha chiesto agli Stati membri dell'UE di fare di più per aiutare i paesi poveri, e li ha invitati a preparare piani annuali di aumento degli aiuti e a spendere meglio i fondi.

I piani devono essere realistici e verificabili, come ha ricordato il commissario presentando raccomandazioni ai paesi dell'UE su come realizzare gli obiettivi di sviluppo Englishespañolfrançais adottati dall'ONU dieci anni fa.

La Commissione raccomanda di presentare i nuovi piani prima del vertice ONU di quest'anno: in settembre, i leader mondiali dovranno adottare nuovi impegni di lotta a fame, povertà e malattie.

"L'Europa deve rimanere il maggiore e più credibile protagonista nella lotta alla povertà", ha affermato: "Dobbiamo rispettare le promesse di potenziare e migliorare gli aiuti".

L'UE è il primo donatore mondiale: è dall'Europa infatti che viene più di metà di tutta l'assistenza pubblica allo sviluppo.

Dopo un forte aumento degli aiuti nel 2008, l'UE nel 2009 ha dato meno a causa della crisi finanziaria, che ha causato la peggiore recessione degli ultimi decenni. Nel loro insieme gli Stati membri hanno messo a disposizione dei paesi più poveri del mondo 49 miliardi di euro, pari allo 0,4% circa del reddito lordo dell'UE. Gli Stati dell'UE si erano impegnati ad aumentare gli aiuti fino allo 0,7% del reddito nazionale lordo entro il 2015.

Fra le altre raccomandazioni, riassunte in un piano d'azione in dodici punti, si trovano metodi di finanziamento innovativi e una lotta più decisa all'evasione fiscale nel mondo in via di sviluppo.

Il principale degli obiettivi del millennio, adottato dai paesi dell'ONU nel 2001, è ridurre del 50% il numero di quanti nel mondo vivono in condizioni di estrema povertà, vale a dire con meno di 1,25 dollari al giorno. Tenendo come riferimento i livelli di povertà del 1990, occorre dunque scendere dal 42% al 21% della popolazione planetaria.

Nel 2005 sembrava che il mondo fosse sulla strada giusta, nonostante le grosse disparità fra regioni e paesi. Secondo i dati della Banca mondiale, in quell'anno vivevano in condizioni di estrema povertà 1,4 miliardi di persone, ossia il 26% della popolazione mondiale.

Però, con la crisi economica e l'aumento dei prezzi di cibo e carburanti, milioni di persone sono ripiombate in stato di povertà mentre, malgrado vari successi, si progredisce lentamente su altri fronti, come la lotta alla fame e il miglioramento delle condizioni igieniche.

La Cina è il paese che ha compiuto i maggiori progressi, mentre l'Africa subsahariana è fra le zone del mondo rimaste più indietro.

 

Piano d'azione dell'UE per gli obiettivi di sviluppo del millennio Englishfrançais

Per saperne di più sugli aiuti allo sviluppo dell'UE Englishfrançais

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili