Percorso di navigazione

Da sinistra a destra: Catherine Ashton, Hillary Clinton e Ban Ki-moon © UE

L'UE stanzia oltre 1,2 miliardi di euro per la ricostruzione di Haiti e il suo sviluppo futuro.

L'UE ha annunciato la propria decisione alla conferenza ONU su Haiti Englishespañolfrançais tenutasi a New York la settimana scorsa.

In tutto, i paesi donatori hanno promesso 7,3 miliardi di euro (pari a 9,9 miliardi di dollari) per aiutare la ricostruzione del paese colpito in gennaio da un disastroso terremoto. Più della metà di questi fondi, ossia 5,3 miliardi di dollari, è prevista per il periodo 2010-11, a fronte di una richiesta haitiana di soli 3,9 miliardi.

Catherine Ashton, Alta rappresentante dell'UE per la politica estera, ha auspicato un piano decennale per l'economia haitiana che vada oltre la ricostruzione e metta l'accento su sviluppo e crescita.

“L'UE sa che per la ricostruzione di Haiti serve anche un impegno di lungo termine da parte degli altri paesi,” ha dichiarato. L'UE è da tempo uno dei maggiori donatori di aiuti allo sviluppo per il paese caraibico.

Kristalina Georgieva, commissaria per gli Aiuti umanitari, suggerisce di ricorrere al sistema "cash-for-work" ("soldi in cambio di lavoro") e a piccoli prestiti, per stimolare lo sviluppo e mobilitare direttamente gli haitiani.

Il terremoto ha causato più di 200 000 vittime e ha lasciato senza tetto più di un milione di persone. L'UE ha già inviato aiuti per 300 milioni di euro.

Per saperne di più sugli aiuti dell'UE a favore di Haiti Englishespañolfrançais

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili