Percorso di navigazione

Mantenere le promesse fatte ai paesi in via di sviluppo - 09/04/2008

Una famiglia colombiana povera: genitori gracili e i loro quattro figli in un campo di baracche.

L’UE invita gli Stati membri ad incrementare il volume e l’efficacia dei loro aiuti allo sviluppo.

La solidarietà con i paesi in via di sviluppo è uno dei valori fondamentali dell’UE, che lo scorso anno ha consacrato 8,6 miliardi di euro agli aiuti allo sviluppo. Tuttavia, se l’UE, primo donatore del mondo, si è impegnata ad aumentare progressivamente i suoi aiuti, secondo i dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico English, nel 2007 sono stati spesi 1,7 miliardi di euro in meno dell’anno precedente.

I paesi in via di sviluppo devono essere coinvolti nelle risposte alle sfide globali, come i cambiamenti climatici, le pandemie, i fenomeni migratori e le minacce alla pace e alla sicurezza. Per dare il loro contributo hanno però bisogno di aiuto. L’UE invita pertanto i paesi membri a:

  • raggiungere l'obiettivo collettivo dello 0,56% del reddito nazionale lordo nel 2010, per passare allo 0,7% nel 2015. Per rispettare questo impegno, i paesi dell’UE devono aumentare sostanzialmente i loro contributi;
  • continuare a migliorare l’efficacia degli aiuti e il loro impatto sul campo;
  • definire una politica UE a favore dello sviluppo che privilegi in particolare i biocarburanti, la ricerca e le soluzioni al problema della “fuga dei cervelli”, che vede le persone più qualificate abbandonare i paesi in via di sviluppo per andare a lavorare all’estero;

§ finanziare gli aiuti al commercio: i 2 miliardi di euro che entro il 2010 i paesi dell’UE devono destinare al sostegno del commercio dovrebbero sostenere progetti che contribuiscono allo sviluppo.

Nel quadro degli obiettivi di sviluppo del millennio English delle Nazioni Unite, i paesi europei hanno promesso di consacrare, entro il 2015, lo 0,7% del loro reddito nazionale lordo English (RNL) agli aiuti allo sviluppo. Tuttavia, nonostante abbiano rispettato l’obiettivo intermedio dello 0,39% nel 2006, lo scorso anno sono scesi allo 0,38%.

Gli Stati membri dovranno raggiungere una posizione comune in vista di due importanti conferenze internazionali che si terranno nel corso dell’anno: il forum ad alto livello sull’efficacia degli aiuti English ad Accra, a settembre, e la conferenza di Doha sul finanziamento dello sviluppo English, a dicembre.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili