Percorso di navigazione

La crescita passa in primo piano - 02/03/2012

Il presidente della Commissione José Manuel Barroso alla conferenza stampa © UE

Il presidente della Commissione José Manuel Barroso invita i leader europei ad onorare i loro impegni per la crescita e l'occupazione.

"È giunto il momento di spostare l'attenzione dalla crisi alla crescita", ha affermato Barroso al vertice europeo dell'1-2 marzo 2012.

Nell'area dell'euro di stanno adottando provvedimenti per risolvere la crisi del debito, ma ora occorre che tutti i leader europei avviino le politiche concordate a livello dell'UE. Questa l'esortazione del presidente della Commissione.

L'analisi annuale della crescita 2012 DeutschEnglishfrançais , in cui la Commissione definisce una serie di politiche e priorità economiche, fornisce una tabella di marcia per attuare i piani di riforma nazionali. Questi dovrebbero concentrarsi su misure prioritarie, tra cui interventi per ridurre la disoccupazione giovanile ed accrescere il sostegno alle piccole imprese.

Il presidente Barroso sostiene che "project bond" garantiti dall'UE potrebbero contribuire a raccogliere finanziamenti per investimenti strategici in ambiti come trasporti, energia e reti Internet ad alta velocità.

Accordo sulla disciplina di bilancio

Il 2 marzo tutti i paesi dell'UE, tranne il Regno Unito e la Repubblica ceca, hanno firmato un trattato intergovernativo per rafforzare la disciplina di bilancio nell'area dell'euro.

Ora si attende la ratifica da parte di almeno 12 paesi dell'eurozona affinché il trattato possa entrare il vigore. Anche gli altri paesi che adotteranno l'euro saranno tenuti al rispetto di questo trattato, ma potranno decidere di conformarsi alle regole persino prima.

Il trattato impone ai paesi dell'area dell'euro di mantenere l'equilibrio di bilancio. In caso di deficit superiore allo 0,5% del PIL, il bilancio va riportato in equilibrio sotto la supervisione degli altri paesi dell'UE.

Il trattato viene considerato come un elemento determinante della risposta dell'UE alla crisi finanziaria, nonché alla crisi del debito nell'eurozona. Rafforzando il governo dell'economia e la stabilità, i leader europei puntano a ripristinare la fiducia sia dell'opinione pubblica che dei mercati finanziari.

Altre questioni sul tappeto

Durante il vertice i leader europei hanno concordato una tabella di marcia per l'adesione di Bulgaria e Romania allo spazio Schengen per la libera circolazione delle persone.

"È una questione di equità e impazialità", ha affermato Barroso.

I leader hanno anche accettato la candidatura della Serbia ad entrare a far parte dell'UE. "... è una decisione positiva perché dimostra la grande forza di attrazione che l'UE continua ad esercitare", ha aggiunto.

Per saperne di più sul vertice UE (1-2 marzo 2012) DeutschEnglishfrançaisportuguês

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili