Percorso di navigazione

Ripristinare la fiducia, favorire la crescita e l'occupazione - 01/02/2012

I leader dell'UE attorno a un tavolo alla riunione informale del Consiglio europeo © UE

I leader approvano misure urgenti per ridurre la disoccupazione giovanile, sostenere le PMI e completare il mercato dell'UE, e fissano una data per la firma del nuovo trattato sul coordinamento della politica economica.

I leader politici hanno riconosciuto la necessità di un intervento prioritario a livello europeo e nazionale per rilanciare la crescita e l'occupazione, soprattutto per lottare contro la disoccupazione giovanile, rafforzare il mercato unico e aiutare le PMI.

Hanno approvato il "trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell'unione economica e monetaria (UEM)", che rafforza la stabilità e aggiunge un altro tassello alla risposta globale alla crisi del debito sovrano.

Inoltre, hanno raggiunto un accordo sul trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità, un fondo permanente per aiutare i paesi vulnerabili dell'area dell'euro.

Ridurre la disoccupazione giovanile

Ogni paese dell'UE preparerà un piano nazionale per l'occupazione, che includerà misure quali la riduzione della tassazione sul lavoro e della segmentazione del mercato del lavoro, interventi che possono migliorare le opportunità di impiego per i giovani e chi è poco qualificato.

Saranno creati "gruppi di intervento" con gli otto paesi dell'UE in cui la disoccupazione giovanile è superiore alla media: Spagna, Grecia, Italia, Portogallo, Slovacchia, Lituania, Lettonia e Irlanda.

Completare il mercato unico

Il mercato unico è la spina dorsale della crescita. La Commissione ha auspicato il completamento del mercato unico digitale entro il 2015. I leader hanno deciso di accelerare la realizzazione delle proposte esistenti e hanno invitato Francia, Germania e Regno Unito a risolvere le loro divergenze in merito al brevetto europeo.

Offrire sostegno alle piccole imprese

Occorre un'azione prioritaria per aiutare i 23 milioni di PMI europee agevolando l'accesso al credito e ai finanziamenti da parte delle imprese, riducendo gli oneri amministrativi e migliorando l'accesso al capitale di rischio.

Inoltre, i leader europei valuteranno come impiegare a favore della crescita e dell'occupazione gli 82 miliardi di euro di fondi strutturali e sociali che non sono ancora stati assegnati.

Un nuovo trattato internazionale

È stato approvato un nuovo trattato internazionale - che sarà firmato a marzo da tutti gli Stati membri tranne il Regno Unito e la Repubblica ceca - per rafforzare il coordinamento economico nell'area dell'euro. Fra le importanti novità: i requisiti in materia di voto per avviare una "procedura per i disavanzi eccessivi" e l'impegno a formalizzare una norma che stabilsca l'obbligo del pareggio di bilancio a livello nazionale.

Accordo su un fondo permanente

I paesi dell'eurozona hanno inoltre concluso i lavori riguardanti un trattato separato per creare un fondo salva Stati permanente che dovrebbe diventare operativo a luglio 2012.

Per saperne di più sul Consiglio europeo del 30 gennaio 2012 English

La risposta della Commissione alle decisioni del Consiglio europeo DeutschEnglishfrançaisportuguês

Presentazione del presidente della Commissione, José Manuel Barroso, su crescita e occupazione DeutschEnglishfrançaisportuguês

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili