Percorso di navigazione

Eletto il nuovo Parlamento europeo - 08/06/2009

Gli eurodeputati assistono all'arrivo dei risultati elettorali © CE

Gli impegni per la nuova assemblea: crisi economica e finanziaria, trattato di Lisbona, cambiamento climatico.

Il Partito popolare europeo, di orientamento conservatore, si conferma primo gruppo al Parlamento europeo. I partiti di centro-destra escono vincitori dalle elezioni del 4-7 giugno in alcuni dei maggiori paesi dell'UE, come la Francia, l'Italia, la Spagna e la Polonia.

Il gruppo dei Socialisti ha perduto terreno, ma rimane saldamente in testa davanti ai Liberaldemocratici, a loro volta tallonati dai Verdi, che hanno guadagnato diversi seggi.

I 736 membri del Parlamento europeo dovranno pronunciarsi sulla composizione della prossima Commissione europea e, se il trattato di Lisbona supererà lo scoglio del secondo referendum irlandese verso la fine dell'anno, anche sulle nuove figure di presidente e responsabile degli Esteri dell'UE.

Gli eurodeputati contribuiranno inoltre ai negoziati per un accordo internazionale sul cambiamento del clima, e dovranno occuparsi di un nuovo regolamento finanziario per prevenire future crisi.

Gli aventi diritto al voto erano circa 388 milioni, ma l'affluenza è stata inferiore al 44%, meno di cinque anni fa.

Il Presidente della Commissione europea Barroso ha ringraziato gli elettori che si sono espressi sul futuro politico dell'Unione, e ha rilevato che "Nel complesso, questi risultati segnano un'innegabile vittoria dei partiti e dei candidati che sostengono il progetto europeo e auspicano che l'Unione europea dia risposte ai problemi quotidiani dei cittadini".

 

Elezioni europee 2009 – i risultati in dettaglio

Parlamento europeo: gli impegni per la nuova assemblea

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili