Percorso di navigazione

Un maggiore impegno a difesa della biodiversità - 19/01/2010

Farfalla su fiori di lillà © Reporters

Dopo aver mancato l'obiettivo di fermare la perdita di biodiversità entro il 2010, l'UE lancia un nuovo piano decennale per una tutela duratura delle specie.

Il tempo stringe. Secondo le stime dell'ONU il tasso di perdita della biodiversità registra ormai un'accelerazione vertiginosa e un terzo dei circa 1,75 milioni di specie animali e vegetali note all'uomo è minacciato. L'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ritiene che nel 2008 siano scomparse ben 717 specie animali. Anche la balena beluga, il koala e il corallo a corna di cervo (acropora formosa) rischiano l'estinzione.

Per difendere animali come la lince iberica, di cui sopravvivono ancora solo circa 100 esemplari, l'UE ha elaborato un nuovo piano da qui al 2050. Qual è l'obiettivo?

Ridurre il tasso di estinzione? Fermarlo del tutto? Riportare in vita gli ecosistemi morti? Promuovere la conservazione della biodiversità a livello mondiale? Gli obiettivi del nuovo programma saranno decisi la prossima settimana. Ma una cosa è certa: dovrà essere realistico.

Per questo la decisione dell'UE di presentare, prima della fine di quest'anno, una strategia chiara per la tutela della biodiversità da qui al 2020. Ed è in buona compagnia, perché anche le Nazioni Unite hanno proclamato il 2010 anno internazionale della biodiversità English .

Vi è urgente bisogno di più ricerca, di una migliore applicazione della normativa europea e di maggiori risorse finanziarie. Esistono infatti diverse soluzioni ai problemi esistenti. Particolarmente degno di nota è il progetto Natura 2000 English , una rete europea di aree naturali protette che copre il 17% del territorio dell'UE. L'ampliamento di questo progetto potrebbe, unitamente ad altri nuovi progetti, contribuire al ripristino degli ecosistemi del nostro pianeta, il 60% dei quali è stato danneggiato da 50 anni di sfruttamento e di inquinamento ad opera dell'uomo.

Un tale approccio permetterebbe nel contempo di prevenire le calamità naturali, combattere la siccità e le crisi alimentari e contrastare l'effetto serra.

A partire dal 26 gennaio, data di inizio della nuova campagna dell'UE, i cittadini europei potranno ottenere informazioni dettagliate attraverso un sito interattivo; le specie minacciate, tra cui il passero, appariranno su Facebook e altre reti sociali nella rubrica "amici".

Per saperne di più sulla biodiversità nell'UE English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili