Percorso di navigazione

Sicurezza dei prodotti: nessun compromesso - 20/04/2009

L'UE difende i consumatori dai prodotti pericolosi

Siamo tutti consumatori. Ogni volta che entriamo in un negozio per comprare qualcosa o che acquistiamo on-line, la normativa UE garantisce che gli articoli in vendita sono sicuri e prodotti nel rispetto dei principi di equità.

Per difendere la sicurezza dei prodotti, la Commissione gestisce un sistema d’allarme rapido (RAPEX) English per tutti i prodotti di consumo pericolosi, ad eccezione dei generi alimentari, dei farmaci e dei dispositivi medici. Se un prodotto è ritenuto pericoloso, RAPEX allerta rapidamente i 30 paesi partecipanti al fine di interromperne o limitarne la distribuzione.

Nel 2008 il numero di prodotti pericolosi ritirati dal mercato è aumentato del 16% rispetto all'anno precedente. I giocattoli, le apparecchiature elettroniche e i veicoli a motore rappresentavano oltre la metà dei ritiri.

La percentuale di prodotti potenzialmente pericolosi provenienti dalla Cina è passata dal 52% al 58%. Questo risultato è il frutto dell'aumento delle importazioni dalla Cina, della migliore cooperazione tra l'UE e la Cina in materia di sicurezza dei prodotti e del rafforzamento della vigilanza nei paesi UE interessati.

Nel 2009 il sistema RAPEX dovrà garantire innanzitutto che i paesi dell'Unione continuino ad investire nei diritti dei consumatori in un momento di ristrettezze finanziarie dovute alla crisi economica.

Nel frattempo aumenta l'esercito degli acquirenti on-line. Tra il 2006 e il 2008, la percentuale dei consumatori che hanno acquistato almeno un prodotto su internet è salita dal 27% al 33%. Tuttavia, per motivi linguistici, pratici e di fiducia la maggior parte di essi acquista da produttori nazionali. Solo il 7% degli acquirenti on-line compra all'estero.

Per studiare questi fenomeni dell'era digitale, la Commissione ha organizzato recentemente un vertice dei consumatori English dedicato al tema della fiducia negli acquisti su internet. Si è discusso anche degli interventi necessari per accrescere gli scambi transfrontalieri: rafforzare la fiducia dei consumatori negli acquisti on-line e nelle relative consegne, gestire le denunce, affrontare i problemi riguardanti le garanzie, le questioni di privacy e l'assistenza post-vendita.

Per saperne di più sui diritti dei consumatori

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili