Percorso di navigazione

Energia a condizioni migliori per i consumatori - 16/11/2012

Lampadina a basso consumo energetico © UE

I paesi UE dovranno applicare pienamente le norme europee sull'energia per consentire al mercato di operare al meglio, a vantaggio dei consumatori.

I paesi UE hanno concordato norme comuni English per un mercato dell'energia più competitivo, che offra a cittadini e imprese forniture sicure e sostenibili a prezzi equi.

Queste norme sono fondamentali per affrontare le sfide attuali, inclusi i cambiamenti climatici, l'eccessiva dipendenza dalle importazioni e l'offerta di energia a prezzi accessibili a tutti.

Non si possono negare alcuni passi avanti. Oggi i consumatori dispongono di una scelta più ampia, i prezzi all'ingrosso sono sotto controllo e sono garantite forniture sufficienti per far fronte ai nostri bisogni.

In altri settori, i paesi non sono però stati all'altezza delle aspettative. Per accelerare questo processo, la Commissione interverrà maggiormente per aiutare i consumatori a beneficiare di un mercato aperto alla concorrenza. Per far funzionare il mercato interno dell'energia DeutschEnglishfrançais sono previste le misure seguenti:

  • garantire che tutti i paesi applichino correttamente tutte le norme, visto che alcuni non lo fanno ancora, in particolare per quanto riguarda l'interconnessione dei mercati del gas e dell'elettricità DeutschEnglishfrançais
  • assicurare che i cittadini siano consapevoli di tutti i loro diritti, tra cui quello di cambiare fornitore con un preavviso di tre mesi e senza spese: se tutti i consumatori pagassero la tariffa più economica, il risparmio complessivo sarebbe di 13 miliardi di euro all'anno
  • promuovere l'installazione di contatori intelligenti che consentano ai consumatori di monitorare il loro consumo energetico in tempo reale e di avere un miglior controllo sulle loro bollette energetiche
  • assicurare una presentazione più chiara di prezzi, tariffe e offerte per tutelare i consumatori vulnerabili
  • eliminare i prezzi regolamentati, che danno ai consumatori l'impressione falsata che il livello dei prezzi sia quello più equo e che rappresentano un ostacolo a più concorrenza e più investimenti (attualmente nell'UE solo nove paesi NON regolamentano i prezzi al dettaglio).

Le prossime tappe

Alcuni paesi intendono concedere incentivi ai fornitori storici per mantenere la capacità di energia elettrica disponibile nei casi in cui le fonti variabili (come l'energia eolica o solare) non ne producano abbastanza per soddisfare la domanda.

Prima di introdurre tali incentivi, è necessaria un'analisi più approfondita sulle ragioni per cui i paesi non investono maggiormente per aumentare la loro capacità di produzione. I governi nazionali dovrebbero inoltre valutare se il ricorso a fornitori di altri paesi europei non sia una soluzione più efficiente sotto il profilo dei costi.

La Commissione pubblicherà inoltre degli orientamenti su come migliorare il mercato delle energie rinnovabili.

Per saperne di più sul mercato UE dell'energia Deutsch (de) English (en) français (fr)

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili