Percorso di navigazione

Norme di sicurezza rigorose per gestire i rifiuti nucleari - 03/11/2010

Centrale nucleare in campagna con fumo che esce dalle due torri di raffreddamento © iStock/RelaxFoto.de

L'UE propone norme comuni per lo smaltimento definitivo del combustibile nucleare esaurito.

Le centrali nucleari producono un terzo dell'elettricità consumata nell'UE, ma anche circa 7 000 metri cubi di rifiuti radioattivi all'anno.

Attualmente, il combustibile nucleare esaurito è conservato in depositi vicino alla superficie. Questa però è solo una soluzione a breve termine, utile per ridurre leggermente la temperatura e la radioattività del combustibile.

Visto che i rifiuti radioattivi restano pericolosi anche per un milione di anni, la soluzione a lungo termine più sicura è lo stoccaggio in profondità, che riduce i rischi connessi a incidenti, incendi o terremoti.

Una legislazione UE sulla sicurezza aiuterebbe a rispondere alle preoccupazioni dell'opinione pubblica, dovute in parte al disastro della centrale di Chernobyl nel 1986. In una recente indagine dell'UE sulla sicurezza nucleare English, l'82% degli intervistati si è detto favorevole a una legislazione a livello di UE per regolamentare la gestione dei rifiuti nucleari.

Le norme comuni di sicurezza dell'UE English proposte per gestire i rifiuti radioattivi e i depositivi di smaltimento in profondità puntano a promuovere questa soluzione a lungo termine. Le stesse norme si applicheranno anche ai rifiuti radioattivi prodotti nell'ambito della medicina, dell'industria e della ricerca.

Le norme di sicurezza elaborate dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica diventeranno giuridicamente vincolanti per tutti i governi dell'UE. I paesi dovranno pubblicare piani per la costruzione di depositi, che la Commissione potrà chiedere di modificare se dovessere risultare inadatti.

Un'autorità indipendente rilascerà le licenze per la costruzione e la gestione dei siti di stoccaggio e ne verificherà la sicurezza. Due o più paesi UE potranno concordare di gestire depositi comuni, mentre sarà vietato esportare rifiuti nucleari al di fuori dell'UE.

L'opinione pubblica dovrà essere informata e consultata sui progetti di costruzione di depositi di rifiuti radioattivi.

Oggi esistono complessivamente 143 centrali nucleari in 14 paesi UE. La Finlandia, la Svezia e la Francia intendono costruire i primi depositi dell'UE entro i prossimi 15 anni.

Per saperne di più sulla gestione dei rifiuti radioattivi English
Per saperne di più sulla sicurezza nucleare English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili