Percorso di navigazione

Previsioni intermedie: una leggera recessione con segnali di stabilizzazione - 23/02/2012

Mani che tengono un binocolo su un tavolo con un grafico a barre © istock/RBFried

Per il 2012 si prevede un ristagno dell'economia dell'UE nel suo insieme, mentre l'area dell'euro si avvia verso una leggera recessione. Nel secondo semestre si dovrebbe tornare a una modesta crescita.

Le più recenti previsioni intermedie English della Commissione europea, presentate il 23 febbraio, preannunciano un ristagno dell'economia dell'insieme dell'UE e una leggera recessione nell'area dell'euro. Il secondo semestre del 2012 dovrebbe tuttavia segnare il ritorno a una modesta crescita.

Nel 2012 il PIL dovrebbe rimanere invariato nell'insieme dell'UE e contrarsi dello 0,3% nell'area dell'euro. Se 17 paesi registreranno una crescita, negli altri l'economia sarà frenata dalla persistente incertezza sui mercati, dalle preoccupazioni per la crisi del debito pubblico e dalla minore domanda di esportazioni. Il PIL dovrebbe quindi ristagnare in un paese e diminuire in nove.

Inflazione

L'inflazione, spinta dagli elevati prezzi dell'energia e dall'aumento delle imposte indirette, rimane più alta del previsto. Per l'insieme del 2012 il tasso di inflazione dovrebbe attestarsi al 2,3% nell'UE e al 2,1% nell'area dell'euro.

Prospettive relative alla domanda interna e mondiale

Le prospettive economiche sono condizionate dalle condizioni meno favorevoli dell'economia mondiale: l'indebolirsi della domanda del resto del mondo peserà sulle esportazioni nette dell'UE. La fiducia delle imprese e dei consumatori europei è ancora bassa, nonostante il recente, lieve miglioramento osservato dopo i segnali di stabilizzazione registrati nel settore finanziario.

D'altro canto, vista la debolezza della domanda, le condizioni creditizie non dovrebbero limitare gli investimenti e i consumi nel corso del periodo di riferimento delle previsioni. Nel complesso, si prevedono un graduale ripristino della fiducia e la ripresa degli investimenti e dei consumi nel secondo semestre del 2012.

Contesto

Le ultime previsioni intermedie sono più complete del solito, in quanto aggiornano le prospettive per tutti i paesi dell'UE. Normalmente le previsioni intermedie, pubblicate nei mesi di febbraio e settembre, si limitano a passare in rassegna gli sviluppi delle economie maggiori. Le previsioni complete di primavera e autunno prendono in esame crescita, inflazione, occupazione, disavanzi pubblici e debito in tutti gli Stati membri e in diversi paesi extra UE. Le prossime previsioni di primavera saranno pubblicate l'11 maggio 2012.

Per saperne di più sulle previsioni economiche intermedie del febbraio 2012 English

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili