Percorso di navigazione

Verso un'unione economica più stretta e più forte - 17/11/2011

Emiciclo del Parlamento europeo a Strasburgo © UE

I governi dell'area dell'euro devono agire rapidamente per sostenere la moneta comune, mettere fine alla crisi del debito e creare un'unione economica più profonda, ha dichiarato il presidente della Commissione Barroso annunciando le nuove proposte.

"Per questo motivo avere un governo dell'economia più forte nell'area dell'euro è fondamentale per la sopravvvivenza e il rafforzamento della nostra moneta comune", ha dichiarato il presidente Barroso di fronte al Parlamento europeo il 16 novembre. "I mercati e gli investitori chiedono regole più rigorose. Non si tratta semplicemente di una questione politica che interessa quanti, come me e molti di voi, condividono una passione per un'Europa più forte. Ora è una questione di buon senso avere un governo dell'economia più forte nell'area dell'euro e, naturalmente, in tutta l'Unione europea".

Grazie a un più efficiente coordinamento economico i governi nazionali potranno collaborare meglio, trovare più facilmente le risposte alle grandi sfide economiche che l'UE deve affrontare e appoggiare gli sforzi per favorire la crescita e l'occupazione.

Da quando la crisi economica è iniziata, l'UE ha già adottato diverse iniziative in questo senso, fra cui un pacchetto di sei misure English per migliorare il controllo dei bilanci e del debito pubblico.

L'anno scorso l'UE ha poi inaugurato il semestre europeo, un periodo di 6 mesi durante il quale ogni anno i governi dei paesi europei potranno beneficiare dei rispettivi contributi per formulare le politiche nazionali in materia di economia e bilancio.

Il 23 novembre la Commissione darà il via al prossimo semestre con la pubblicazione di un'analisi annuale della crescita, in cui sono delineate le priorità della politica economica che il prossimo anno dovranno essere al centro dell'attenzione dei governi nazionali.

Vengono presentate anche altre misure per migliorare la vigilanza economica e il controllo del bilancio per i paesi dell'area dell'euro con un disavanzo eccessivo. I paesi con problemi sistemici del debito dovranno inoltre seguire le misure definite dagli altri paesi per poter ricorrere al sostegno del fondo salva-Stati.

La Commissione aprirà una consultazione pubblica sull'opportunità di emettere collettivamente obbligazioni per alimentare il fondo di salvataggio.

Il presidente Barroso ha dichiarato che, per ripristinare la fiducia dei cittadini e dei mercati finanziari, servono una volontà e una leadership politica più marcate.

"Stiamo attraversando una vera e propria crisi del sistema che richiede un impegno ancora più forte da parte di tutti noi", ha commentato. "In futuro dovremo fare ancora di più per rafforzare l'integrazione. Sarà necessario modificare il trattato. Che sia chiaro: io sono favorevole a modificare il trattato se questo servirà a rafforzare l'Unione europea, il nostro processo decisionale, le istituzioni europee e il senso di condivisione di un fine comune".

Il discorso del presidene Barroso - il governo dell'economia nel 2011 DeutschEnglishfrançaisportuguês

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili