Percorso di navigazione

Tabella di marcia per un'economia europea più forte - 13/04/2011

Strada libera in campagna, vista dal centro della carreggiata © WillSelarep/iStock

L'UE ha individuato 12 priorità per un mercato unico più efficiente per consumatori, lavoratori e imprese.

Negli ultimi vent'anni la sempre maggiore integrazione economica dell'UE è stata uno dei principali motori della crescita e dell'occupazione in Europa.

Nonostante tutto, l'economia dell'UE non ha ancora sfruttato pienamente le opportunità offerte dalla scomparsa delle barriere. La Commissione ha individuato 12 azioni prioritarie Englishfrançais per migliorare la mobilità di lavoratori e imprese, che dovrebbero essere particolarmente adatte a stimolare la crescita e l'occupazione in quanto favoriscono una maggiore libertà di circolazione di persone, merci, servizi e capitali nell'UE.

Un mercato più integrato aiuterà inoltre i paesi dell'UE ad affrontare gli attuali problemi socio-economici e accelererà la ripresa dalla crisi finanziaria mondiale.

Le priorità sono:

  • agevolare l'accesso delle piccole e medie imprese ai finanziamenti consentendo ai fondi di venture capital di investire in qualsiasi paese dell'UE
  • rivedere la normativa sul riconoscimento delle qualifiche professionali nell'UE per ridurre gli ostacoli a trovare lavoro in un altro paese
  • creare un brevetto unico europeo per la proprietà intellettuale e le invenzioni, riducendo così i costi e le formalità per le imprese
  • stabilire procedure per risolvere le controversie in via amichevole quando i consumatori incontrano problemi dopo aver acquistato merci o servizi in un altro paese dell'UE, anche via Internet
  • introdurre norme europee per il settore dei servizi
  • migliorare le infrastrutture dell'energia, dei trasporti e delle comunicazioni, individuando le reti strategiche su cui effettuare investimenti mirati
  • adottare una legislazione sul riconoscimento reciproco dei metodi di identificazione e autenticazione elettronica per incentivare l'uso di Internet fra privati, imprese e amministrazioni pubbliche
  • incoraggiare l'imprenditoria sociale sviluppando fondi di investimento per le imprese che svolgono attività con finalità sociali, etiche o ambientali
  • adeguare la tassazione sull'industria energetica agli obiettivi dell'UE in materia di clima ed energia
  • rafforzare le norme sui lavoratori distaccati dalle loro imprese in un altro paese dell'UE
  • semplificare i principi contabili per le imprese e ridurre la burocrazia, con particolare attenzione per le piccole imprese
  • agevolare la partecipazione delle piccole imprese agli appalti pubblici in altri paesi dell'UE

Nei prossimi due anni saranno adottate misure specifiche basate su queste priorità. La Commissione ha già presentato una serie di proposte riguardanti un brevetto europeo DeutschEnglishfrançais e l'adeguamento della tassazione dell'energia DeutschEnglishfrançais .

Per saperne di più sull'integrazione economica dell'UE Deutsch (de) English (en) français (fr)

Atto per il mercato unico europeo

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili