Percorso di navigazione

Verso una stabilizzazione dell'economia dell'UE grazie alle misure di sostegno - 04/05/2009

Uomo d'affari che legge un giornale ©CE

L'UE sta attraversando la recessione più profonda dalla seconda guerra mondiale. C'è stato sì un rallentamento dell'inflazione, ma la disoccupazione e le finanze pubbliche sono state duramente colpite. La situazione dovrebbe stabilizzarsi nel 2010.

Secondo le ultime previsioni economiche English ufficiali, l'economia dell'UE dovrebbe contrarsi del 4% nel 2009, dopo essere cresciuta dello 0,8% nel 2008. Quasi tutti i paesi europei sono stati duramente colpiti dalla crisi finanziaria, dalla forte recessione a livello mondiale e, in alcuni casi, dal crollo del mercato immobiliare.

Tuttavia, per effetto delle misure di bilancio e monetarie adottate per stimolare l'economia, la crescita dovrebbe riprendere prima della fine del prossimo anno (anche se si prevede un'ulteriore flessione dello 0,1% per l'insieme del 2010). Le stime – essenzialmente simili per l'area dell'euro e l'intera UE – sono state riviste al ribasso rispetto alle previsioni di autunno e a quelle intermedie del gennaio 2009.

Negli ultimi mesi l'inflazione è scesa in picchiata. Il dato ufficiale, ovvero l'inflazione misurata dall'indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) English, dovrebbe attestarsi a poco meno dell'1% nell'UE (0,5% nell'area dell'euro) nel 2009, per poi risalire gradualmente a circa l'1¼% nel 2010.

L'occupazione dovrebbe registrare quest'anno un meno 2½% circa sia nell'UE che nell'area dell'euro e ridursi di un ulteriore 1½% l'anno prossimo. Complessivamente, l'occupazione potrebbe accusare un calo netto di circa 8,5 milioni di posti di lavoro nel periodo 2009-2010, a fronte dei 9,5 milioni di posti creati tra il 2006 e il 2008.

Anche le finanze pubbliche sono state duramente colpite. Globalmente, quest'anno i disavanzi pubblici dovrebbero raddoppiare nell'UE, passando dal 2,3% del PIL registrato nel 2008 al 6% – e arrivando a sfiorare il 7¼% nel 2010. Si tratta dell'effetto combinato della contrazione del gettito fiscale e della forte spesa pubblica per alimentare la ripresa.

Nella più profonda recessione globale dalla seconda guerra mondiale le prospettive sono ancora incerte. Molto dipenderà dalle conseguenze della crisi finanziaria: da come diverse parti dell'economia risponderanno alla situazione e da quanto efficaci risulteranno essere gli stimoli di bilancio e monetari messi in campo.

La Commissione pubblica previsioni economiche quattro volte all'anno. Le previsioni di primavera e autunno prendono in esame crescita, inflazione, occupazione, disavanzi pubblici e debito in tutti gli Stati membri e in diversi paesi extra-UE. Le previsioni intermedie – in genere pubblicate a febbraio e settembre – verificano gli sviluppi rispetto alla precedente previsione, ma soltanto per le economie maggiori.

Crisi finanziaria ed economica: fatti e politiche DeutschEnglishespañolfrançaisportuguês

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili