Percorso di navigazione

In preparazione un piano di ripresa economica - 30/10/2008

Barroso e il commissario per l'economia Almunia alla conferenza stampa sulla crisi finanziaria © CE

La Commissione lavora ad un piano d'insieme per affrontare la crisi finanziaria, mentre i leader dell'UE si preparano al vertice internazionale.

Attutire l'impatto della crisi finanziaria sull'occupazione, il potere d'acquisto e la prosperità dei cittadini europei è la principale priorità: lo ha dichiarato il presidente Barroso, dopo la riunione d'emergenza della Commissione per disegnare una strategia contro la crisi EnglishPDF.

Il piano, che sarà presentato il 26 novembre, comprenderà misure a breve termine per contribuire ad evitare una recessione. La Commissione pensa al tempo stesso a nuovi fondi e a nuovi usi dei fondi esistenti e intende anche aumentare i capitali messi a disposizione della Banca europea per gli investimenti English , l'istituto di credito a lungo termine dell'UE. La banca ha già messo insieme un pacchetto di prestiti di 30 miliardi di euro per venire in aiuto alle piccole imprese che hanno difficoltà ad ottenere finanziamenti.

Riconoscendo che spetta ai governi nazionali definire la politica di bilancio, il presidente Barroso ha sottolineato la necessità di un coordinamento a livello dell'UE. "Se non remiamo insieme, affonderemo insieme", ha dichiarato. Nel piano rientra anche il miglioramento della regolamentazione e della vigilanza del settore finanziario nell'UE.

L'UE ha deciso di concedere all'Ungheria, duramente colpita dalla crisi, crediti d'emergenza per 6,5 miliardi di euro. La Commissione sta incrementando la dotazione del suo fondo di crisi per essere in grado di sostenere altri paesi in difficoltà.

Alcuni paesi hanno espresso delle riserve sul costo del piano dell'UE per ridurre le emissioni di gas serra nella misura del 20% (rispetto ai livelli del 1990) entro il 2020, specie nel contesto della crisi finanziaria. Secondo Barroso, l'UE deve accelerare e non rallentare i suoi sforzi per combattere i cambiamenti climatici. Promuovendo l'ecocompatibilità dell'attività economica si apriranno nuove opportunità di crescita. Tra le misure che saranno adottate potrebbero figurare finanziamenti per i trasporti, l'energia e le tecnologie avanzate e agevolazioni fiscali per accrescere la domanda di beni e servizi a più alta efficienza energetica.

La settimana prossima i leader dell'UE si incontreranno per preparare il vertice internazionale sulla crisi finanziaria che si terrà il 15 novembre a Washington, dove si tenterà di migliorare il coordinamento tra i vari paesi e si discuterà su come evitare il ripetersi di una simile crisi. Il presidente Barroso ha ribadito il sostegno dell'UE ad una riforma del sistema finanziario mondiale che renda più rigorose la regolamentazione e la vigilanza a livello globale.

La strategia EnglishPDF.

Visualizzazione a contrasto elevato Caratteri di grandezza normale Aumenta la grandezza caratteri del 200% Invia questa pagina a un amico Stampa questa pagina

 

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?

Link utili